Quantcast

Wwf si propone come parte civile nel futuro processo Waste Water

Lo dichiara la presidente del WWF Italia Donatella Bianchi.

Più informazioni su

Il WWF Italia esprime la propria soddisfazione per l’operazione denominata “Waste Water” portata a termine dalla Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Catanzaro, dai Carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico di Catanzaro e dalla Capitaneria di Porto di Vibo Valentia, coordinati dal Procuratore della Repubblica di Lamezia Terme, Salvatore Curcio e dal Sostituto Procuratore Marica Brucci.

Le indagini hanno consentito di portare alla luce un vasto e organizzato sistema di smaltimento illecito di rifiuti speciali industriali, consistenti in scarti della lavorazione del biodiesel che venivano sversati, in maniera diretta e senza alcun tipo di depurazione, nei terreni e nei torrenti andando a finire nel mare del Golfo di Sant’Eufemia.

È stato inoltre accertato che queste illecite attività, che andavano avanti fin dal 2012, hanno portato ad un vero e proprio inquinamento diffuso dell’ecosistema con concentrazioni di sostanze tossiche del 90-100% nelle acque del Torrente Turrina e con la presenza, nei terreni vicini allo stabilimento, di reflui industriali con elevate soglie di concentrazione di idrocarburi pesanti, nonché di alluminio, ferro e manganese.

“Quello che emerge dalle indagini è assurdo, incomprensibile e inaccettabile e ho già dato mandato all’ufficio legale di lavorare per chiedere che la nostra associazione sia riconosciuta ‘parte offesa’, al fine di potere presentare la costituzione di parte civile nel futuro processo. Ringraziamo la magistratura e le forze dell’ordine che ancora una volta hanno dimostrato competenza, professionalità e passione nella difesa dell’ambiente e della salute. Il WWF Italia che da sempre è impegnato con le proprie Guardie Volontarie e gli avvocati del Panda, a cui va un grande grazie, nella difesa della legalità e dell’ambiente, continuerà con forza la propria attività di aiuto e supporto alle istituzioni contro i crimini ambientali, come sta facendo anche con il progetto europeo Life SWiPE che punta a supportare le Autorità nelle azioni di contrasto ai reati contro la fauna selvatica”, dichiara la presidente del WWF Italia Donatella Bianchi.

Più informazioni su