Quantcast

Il consigliere Corsi: “Il sovrappasso pedonale fra via Lombardi ed il Benny Hotel? L’ennesima propaganda elettorale”

'Il sindaco e l'assessore Longo diano conto ai cittadini su risorse economiche provenienti da precisi fondi-oneri di urbanizzazione'

Più informazioni su

    “Nel giugno 2019 l’assessore ai Lavori Pubblici Longo ed il sindaco Abramo annunciarono l’affido, mediante aggiudicazione dell’appalto,  dei lavori per la realizzazione  del sovrappasso pedonale di Viale De Filippis. Ma, per essere ancora più credibili, visto che non li crede nessuno, indicarono pure la data di inizio lavori e di cantierizzazione: luglio – agosto sempre del 2019.

    Oggi gennaio 2021 non vi è traccia né dei lavori, né della cantierizzazione della importante opera pubblica. Certamente i cittadini catanzaresi sono abituati alla politica degli annunci del sindaco Abramo e dei suoi fedelissimi assessori, però occorre capire che in ogni opera pubblica l’amministrazione comunale investe risorse pubbliche, i soldi dei cittadini contribuenti. Nel caso specifico erano risorse economiche provenienti da precisi fondi-oneri di urbanizzazione”. Lo afferma il consgliere comunale Corsi.

    “Sulla base di questa motivazione – prosegue –  peraltro non di poco conto, chiedo pubblicamente al sindaco Abramo ed all’assessore Longo di riferire sul perché di questa incompiuta, anzi di questa annunciata opera neanche partita.

    Ricordiamo ai distratti Abramo e Longo che l’appalto per i lavori di realizzazione di un sovrappasso pedonale fra via Lombardi e il Benny hotel e per gli interventi di riqualificazione dell’area compresa fra le vie Barrio, Campanella e Gioacchino Da Fiore, è stato aggiudicato alla rete temporanea d’imprese “Catizone-Edilcat” ed il bando comprendeva l’appalto integrato per la progettazione definitiva ed esecutiva dei lavori, per un importo complessivo del progetto, di  ben €.868 mila euro. L’intervento prevedeva  un sovrappasso realizzato con un pilone inclinato in  contrappeso per i 28 m di struttura sospesa per mezzo di diciotto tiranti, suddivisi sui due lati, che dovevano sostenere la passerella lungo tutto l’attraversamento della carreggiata stradale.

    Doveva dunque essere realizzata una passerella sospesa nel vuoto, ma per ora – conclude il consigliere del gruppo misto –  i cittadini catanzaresi nel vuoto e pure  sospese hanno ascoltato e visto solo le chiacchiere e gli annunci del sindaco Abramo e dell’assessore Longo”.

    (in foto il progetto)

    Più informazioni su