Quantcast

Pd, la segreteria provinciale promuove la candidatura di Irto

Rivolto l'invito al commissario a mettere in campo tutte le iniziative tutti i partiti del centrosinistra con tutte le forze espressione del civismo e del volontariato

Si è riunita, convocata dal segretario Gianluca Cuda, la segreteria provinciale del Partito Democratico di Catanzaro. È stato espresso apprezzamento per la proposta della candidatura a presidente della Regione Calabria di Nicola Irto, già presidente della massima assise regionale e con un profilo riformista e garantista.

La segreteria, a tale proposito, sollecita “il commissario a mettere in campo con urgenza tutte le iniziative necessarie per la costruzione di una coalizione larga e competitiva, con tutti i partiti del centrosinistra, con tutte le forze espressione del civismo e del volontariato; con il movimento dei sindaci, che sono la frontiera quotidiana nel rapporto con i cittadini e che in questa fase sono alle prese con le difficoltà derivanti dalla gestione dell’emergenza sanitaria e con la sempre più pesante scarsità delle risorse finanziarie per far fronte alle esigenze delle loro comunità.

“È inoltre necessario – si legge nella nota –  il coinvolgimento di tutte le personalità che sono state protagoniste, nel corso degli anni, della vita politica regionale nel campo progressista. È imprescindibile l’avvio di un confronto con tutte le espressioni delle confederazioni del lavoro e delle associazioni del mondo produttivo. Solo così – si legge nella nota – sarà possibile dar vita ad un progetto credibile e concreto, in grado di competere con le forze sovraniste e con le alleanze di nuovo conio, espressione del populismo più becero, che predicano la rivoluzione delle chiacchiere, ma nei fatti hanno dato prova, là dove si sono cimentati, di pessima amministrazione”.

La segreteria ha altresì chiesto di poter incontrare il vertice nazionale del partito per “un confronto ravvicinato su alcune questioni che sono dirimenti per poter sviluppare un percorso politico improntato sulla serietà e sulla condivisione, per evitare di ripetere quegli errori che hanno portato alle sconfitte degli ultimi tempi e per incardinare su un terreno costruttivo il rapporto con il Movimento 5 stelle e anche per ribadire che in materia di scelte programmatiche, di alleanze e candidature, il partito per quanto è possibile, sarà decisivo per il buon fine della battaglia elettorale, occorre coinvolgere gli organismi e le rappresentanze territoriali del Partito. A tal scopo saranno convocate le istanze dirigenziali del partito”.