Quantcast

Lavoro e prospettive futuro: incontro tra Pd Catanzaro e sindacati Cgil, Cisl e Uil

Si è parlato di urbanistica, di turismo e periferie, ma particolare attenzione è stata rivolta al ruolo della mobilità urbana

Una proposta programmatica aperta ai contributi di forze sociali, sindacati e associazioni di categoria. Va in questa direzione la riunione avvenuta nella giornata di ieri, tra il coordinamento cittadino del PD di Catanzaro e i rappresentanti di CGIL, CISL e UIL. Durante l’incontro, avvenuto nella sede di via San Nicola (nel rispetto delle norme anti Covid), si è discusso di lavoro e di prospettive future della città. La delegazione del Partito Democratico ha esposto alle tre sigle sindacali la piattaforma programmatica che ha come obiettivo il miglioramento della qualità della vita e sulla quale stanno già lavorando gli iscritti organizzati in gruppi di lavoro.

Nell’esporre l’attività svolta negli ultimi mesi, il coordinamento cittadino, oltre a richiedere un contributo di idee, ha anche espresso la volontà di avviare un confronto costante con i sindacati in modo da rafforzare l’azione politica con particolare riguardo al mondo del lavoro.

Già nella giornata di ieri sono emerse tutta una serie di questione di carattere politico che dovranno essere affrontate per rispondere al meglio ai bisogni di lavoratori e cittadini. Si è parlato di urbanistica, di turismo e periferie, ma particolare attenzione è stata rivolta al ruolo della mobilità urbana come elemento essenziale per favorire la conciliazione dei tempi di vita e lavoro. Rendere gli spostamenti più rapidi e semplici all’interno della città, consentirebbe a tanti cittadini di vivere meglio favorendo l’organizzazione tra le proprie esigenze personali e familiari e l’attività lavorativa.

Per far ciò tutti i presenti sono stati concordi nell’affermare che è necessaria una nuova programmazione dei trasporti urbani soprattutto in considerazione della realizzazione del “pendolo” che avrà un ruolo determinante per migliorare la mobilità urbana. La nuova infrastruttura dovrà però essere accompagnata da una riorganizzazione, anche urbanistica, della città in modo da sfruttarne al massimo le potenzialità anche in un’ottica di ricucitura e di collegamento di tutti i quartieri. Il Partito Democratico riconosce nei sindacati un interlocutore di primaria importanza, per questo motivo il confronto andrà avanti con un ulteriore serie di incontri e iniziative.