Quantcast

Psi (federazione Catanzaro): “Alla sinistra serve un partito con la P maiuscola, di ispirazione socialdemocratica”

Le dimissioni di Zingaretti dalla segreteria Dem agitano le acque dei progressisti

Più informazioni su

Riceviamo e pubblichiamo la nota della Federazione di Catanzaro del Partito Socialista

Da socialisti non siamo soliti commentare vicende di altre realtà politiche. Tuttavia le dimissioni del segretario Dem  Zingaretti, involgono, e non a torto, non solo il Partito Democratico bensi tutto il campo politico del centrosinistra italiano che, mai come oggi, appare autoreferenziale e incline ad innaturali  torsioni ideologiche nel maldestro tentativo di evitare di fare i conti con la storia.

Ad un secolo esatto dalla scissione di Livorno, il partito nato dalla fusione a freddo da Ds e Margherita, sembra implodere sotto i colpi delle correnti quasi come fosse una vera e propria nemesi storica sotto i colpi delle profetiche parole di Filippo Turati mai cosi attuali e moderne. A ben vedere però sembra esserci dell’altro e vale la pena addentrarsi, seppur brevemente, nelle più profonde ragioni alla base di questo stillicidio iniziato nel 2007 allorchè si è deciso di affidare il futuro della sinistra ad una fantasiosa ed esterofila idea di vocazione maggioritaria sulla falsa riga della tradizione democratica americana.

E’ evidente, dunque, come ci sia qualcosa di profondamente innaturale nella nascita di questo partito che non sembra più essere il riferimento della sinistra e che, peraltro, è transitato nel Pse solo su impulso di uno dei tanti segretari succedutisi in questi anni e che non possono essere la causa (semmai l’effetto) di un simile dissolvimento.  

La magmatica situazione politica odierna, e l’inevitabile crisi della sinistra, corrispondono alla fine della seconda repubblica ed è ormai tempo di pensare ad un altro modello di partito che sia veramente democratico con ideali, capacità e visione politica.

Anche se hanno provato da anni a farci credere l’esatto contrario, senza partiti non c’è politica e  non c’è democrazia.

Occorre un partito con la P maiuscola, di chiara ispirazione e nomenclatura socialdemocratica,  portatore di  idee riformiste e valori autenticamente progressisti, capace di arpionare le legittime aspettative del suo popolo che oggi preferisce addirittura non recarsi alle urne piuttosto che sostenere una sinistra senza anima e identità.

 

Più informazioni su