Quantcast

Inizia il Consiglio comunale all’insegna della tentata unità della maggioranza foto

Si attendono pronunciamenti su quanto succede in città sul fronte delle tematiche sanitarie e giudiziarie in atto

Con ritardo dovuto alla convocazione in prefettura del sindaco Sergio Abramo per partecipare a un vertice sulla sicurezza, ha preso inizio il Consiglio comunale di Catanzaro, convocato dal presidente Marco Polimeni su un ordine del giorno molto contenuto rispetto ai chilometrici standard tradizionali. Indirizzo desunto dall’ultima riunione dei capigruppo che hanno chiesto, a front di convocazioni più frequenti, uno snellimento dei punti in discussione in modo da favorire un approccio più approfondito e dibattuto sui temi sul tappeto.

 

In effetti, a parte i consueti e numerosi debiti fuori bilancio da ratificare, due soli punti all’ordine del giorno: il secondo che tratta “la verifica della quantità e qualità delle aree e fabbricati da destinare alla residenza e alle attività produttive e terziarie”, sul quale si prevede si instaurerà il dibattito più propriamente politico, e l’atto di indirizzo sul “voto a distanza degli  studenti fuori sede”, firmatario il capogruppo di Cambiavento Nunzio Belcaro, che ha sposato la battaglia condotta dal collettivo “Valarioti” già fatta propria dal Consiglio comunale di Crotone.

Su proposta dello stesso Belcaro, tutti i capigruppo e la presidenza si sono trovati d’accordo nell’iniziare la seduta con un minuto di raccoglimento per ricordare la recente comparsa del musicista e cultore delle tradizioni popolari calabresi Gianfranco Riccelli.

Sul fronte politico probabile un intervento del sindaco Abramo, dopo la dichiarazione di ieri in cui ha riferito del ripianamento dei dissidi interni alla maggioranza, soprattutto con la parte che fa capo a Forza Italia, partito che sembra, da parte sua, avere ritrovato nuova compattezza dopo la nomina di Giuseppe Mangialavori a coordinatore regionale, ruolo rimasto scoperto dopo la morte di Jole Santelli. Ma anche da altri settori di maggioranza e minoranza si attendono pronunciamenti su quanto succede in città sul fronte delle tematiche sanitarie e giudiziarie in atto.