Quantcast

Bordino: “L’area di Centro sulla scelta del candidato alla Regione non può sbagliare”

Il coordinatore provinciale di Ncdu Catanzaro: "I titoli che contano debbono essere le idee,la determinazione e una visione lungimirante"

L’appuntamento elettorale in Calabria – scrive in una nota stampa Vito Bordino coordinatore provinciale di Ncdu Catanzaro -deve essere vissuto con consapevolezza superando superficialità e egoismi. Oggi in Calabria si vive un allarmante stato di precarietà per le emergenze sanitaria, economica e sociale. Aggravato ancor di più dallo scioglimento del Consiglio Regionale con un Presidente f.f. “imposto dall’alto” che dovrebbe garantire la ordinarietà ma che invece svolge mansioni anche straordinarie. Ora più che mai non si può sbagliare.

La pandemia sta facendo danni enormi al Paese e soprattutto alle aree più deboli come la Calabria. Anni di approssimazioni pesano fortemente e ipotecano colpevolmente il futuro.Noi stiamo lavorando con impegno per dare al centro politico voce e rappresentanza.Un centro che sia lo stimolo perché una nuova fase, quella della responsabilità, della maturità e della riscoperta della Politica avvii nella nostra regione processi di progresso reale e non parolaio.

Sulla scelta del candidato presidente della Regione l’area del centro che si sta formando con il recupero delle esperienze cristiane, democristiane e laiche riformiste, può dare un contributo per evitare i tanti trabocchetti e le delusioni che ci hanno collocato finora in un cunicolo senza aria e senza luce. Non bisogna sbagliare. Non gareggiano gli amici degli amici. I titoli che contano debbono essere le idee,la determinazione e una visione lungimirante”.