Quantcast

Cz in movimento replica a Ursino: “Quello che succede al di là del Sansinato è irrilevante”

"Siamo certi di incarnare i sentimenti di tutti i catanzaresi che oltre ad estemporanee opere pubbliche chiedono decoro e soprattutto servizi”

Catanzaro in movimento replica al consigliere comunale Antonio Ursino: “Non sappiamo se il consigliere Ursino parla a titolo personale o per interposta persona ma poiché ha voluto prendere le difese del sindaco Abramo in merito alla nostra ultima nota stampa gli dobbiamo necessariamente delle risposte. Innanzitutto lo ringraziamo perché ha risposto a Catanzaro in Movimento, un’associazione che in tutti questi anni non ha solo criticato l’operato dell’Amministrazione ma si è prodigata in suggerimenti e sostenuto nelle diverse battaglie per il bene della città”.

“Evidentemente – si legge nella nota – Ursino invece di rapportarsi con parlamentari e consiglieri regionali su questioni che riguardano il Capoluogo di Regione e su temi scottanti come ad esempio il completamento del porto o il nuovo depuratore preferisce fare la lista della spesa delle opere pubbliche realizzate finora. A tal proposito ci teniamo a sottolineare che non di sole opere pubbliche vive una città. Opere, tra l’altro, che sono quasi a beneficio delle imprese che le realizzano piuttosto che dei cittadini tanto da rientrare in quell’ormai celebre “sistema Catanzaro” di cui, ovviamente, non possiamo essere contenti. Siamo, infatti, convinti che Catanzaro ha bisogno di un progetto di città e non di singole opere”.

“Uno sviluppo ponderato, ordinato e armonico. Ma non è questo – incalza il gruppo – il motivo del nostro intervento e non intendiamo sviare l’argomento così come ha fatto il consigliere Ursino. La nostra precedente nota stampa metteva in risalto la mancanza di cura e rispetto per dei luoghi simbolo di Catanzaro: il terrazzo panoramico del San Giovanni diventato parcheggio, piazza Duomo chiusa da più di un anno in attesa dei lavori alla cattedrale cittadina e lo stato di degrado in cui versa Villa Margherita. C’è qualcosa di falso in quello che stiamo dicendo? Non è questa la situazione? In particolare, non è Villa Margherita (sia nella parte storica che in quella di recente realizzazione) in uno stato di abbandono inaccettabile? Stiamo parlando non di un’anonima area verde di periferia ma del cuore della città. Uno dei biglietti da visita di Catanzaro. Un luogo che si trova proprio alle spalle di Palazzo De Nobili. Francamente, ci permetta il consigliere Ursino, sullo stato di degrado in cui versano Reggio o Cosenza c’interessa poco. Noi siamo catanzaresi e quello che succede al di là del Sansinato è irrilevante. Non gioiamo, certamente, per le disgrazie altrui e pretendiamo da cittadini del Capoluogo di Regione che Catanzaro cresca e progredisca. Siamo certi di incarnare i sentimenti di tutti i catanzaresi che oltre ad estemporanee opere pubbliche chiedono decoro e soprattutto servizi”.