Quantcast

Unindustria Calabria: ‘La proroga del blocco dei licenziamenti è un colpo basso alle imprese’

Ferrara: 'Provvedimento sbagliato nel merito e nel metodo'

La norma prevista dal ministro del Lavoro Andrea Orlando, al decreto sostegno bis che proroga inaspettatamente e ulteriormente al 28 Agosto il blocco dei licenziamenti è un colpo basso alle imprese e rileva criticità sia nel merito che nel metodo. Non usa mezze parole il leader degli industriali Calabresi Aldo Ferrara, nel commentare la bozza di provvedimento proposta dal Ministero del Lavoro.

Se è vero come è vero che – continua Ferrara- viene meno il bilanciamento fondato su un patto durato oltre un anno per cui lo Stato ha limitato la recedibilità dal rapporto di lavoro, ma si è fatta carico del costo del lavoro con il riconoscimento della cassa integrazione emergenziale, è da rilevare che il blocco riguarda anche le imprese che dopo il 30 giugno utilizzeranno la Cig ordinaria, pur con uno sconto sulle addizionali.

Ma la cosa davvero inaccettabile – incalza Ferrara – è che un provvedimento così delicato in un momento difficilissimo per il sistema delle imprese è giunto inaspettato e senza preavviso senza essere discusso ufficialmente con le parti sociali.

Insomma – conclude Ferrara – un cambio di rotta impresso dal Ministro del Lavoro che provoca disorientamento tra le imprese, in un momento come quello attuale, nel quale la condivisione delle scelte in campo economico dovrebbe rappresentare un valore fondamentale per poter assicurare la ripresa ed avviare il rilancio delle attività produttive e la loro riorganizzazione.