Quantcast

Il Comune sollecita Navylos allo smontaggio dei vecchi pontili

Una pec concede dieci giorni di tempo alla concessionaria per le operazioni

C’è un tentativo, o perlomeno la volontà, da parte dell’Amministrazione comunale di Catanzaro, di velocizzare le operazioni di smontaggio dei pontili installati nello specchio d’acqua del porto oggetto di concessione demaniale marittima alla società Navylos ancora sotto sequestro ma oggetto di specifica autorizzazione di smontaggio da parte dell’ufficio gip del tribunale di Catanzaro.

Una pec è partita oggi dal Settore Patrimonio del Comune indirizzata alla Navylos e per conoscenza inoltrata alla Guardia costiera capitaneria di porto di Crotone e di Soverato e al custode giudiziario presso il tribunale Igino Guerriero chiedendo di conoscere “con la massima urgenza e senza ulteriore indugio, lo stato di attuazione delle procedure finalizzate allo smontaggio nonché i tempi previsti per le conseguenti operazioni, con indicazione delle date di inizio e fine delle stesse allorquando lo specchio acqueo dovrà risultare totalmente libero”.

L’Amministrazione avverte che “ove non si ottemperasse entro 10 giorni al completamento delle operazioni” “provvederà, previa autorizzazione e con la supervisione del custode giudiziario, ad effettuare lo smontaggio” con onori a carico della Navylos.

Nella pec si riassume brevemente l’ultima cronaca amministrativa e giudiziaria che ha portato all’attualità che vede lo specchio d’acqua, adibito all’attracco, libero dalle imbarcazioni che intanto i diportisti hanno provveduto a spostare.

Di come cioè il custode giudiziario Guerriero abbia comunicato il 7 maggio 2021 che il tribunale di Catanzaro – sezione Gip Gup – ha emesso ordinanza che, rigettando l’istanza di dissequestro avanzata dalla Navylos srl, autorizzava lo smontaggio e la rimozione dei pontili sottoposti a sequestro e già installati nello specchio d’acqua oggetto di concessione demaniale marittima nel 2016.

La concessione, di durata biennale a partire dall’11 agosto 2016, era stata poi prorogata di ulteriori due anni, con scadenza finale fissata all’11 agosto 2020.

La nuova gara per l’affidamento in concessione dei due specchi d’acqua si è conclusa definitivamente, con le verifiche del caso, il 5 febbraio scorso con l’affidamento in concessione del lotto 1 (CdM Est) a Bay What srls e del lotto 2 (CdM Ovest) alla stessa Navylos. Dopo lo smontaggio dei vecchi pontili si potrà procedere, si spera celermente, all’installazione e collaudo dei nuovi.