Quantcast

Mellea (FdI): perché i voucher dei buoni spesa Covid19 a Catanzaro sono bloccati?

"Voucher prolungati sino al 31 luglio ma i negozi non possono prenderli perchè non verrebbero loro rimborsati. Il Comune spieghi"

Più informazioni su

Era il 9 marzo 2020 quando inizió in Italia il lockdown dovuto alla pandemia da Covid19, l’emergenza sanitaria e da lì a breve gli aiuti. Diverse le attività commerciali che andarono al collasso e intere famiglie si trovarono sul lastrico, dovendo fare i conti con una malattia sconosciuta che dall’oggi al domani fece chiudere e bloccare tutta l’Italia. Queste le parole di Stefano Mellea coordinatore provinciale politiche sociali di Fratelli d’Italia.

A farne spesa – continua Mellea – le imprese, le partite iva, gli stagionali e le famiglie che già vivevano in maniera precaria, dove si lavorava qualche giorno a settimana, in nero. Diversi gli aiuti economici messi in atto da parte dello Stato, sempre pochi rispetto le spese che un imprenditore ha dovuto affrontare. Diversi i soldi da parte del Governo destinati alle famiglie indigenti, somme date ai vari comuni italiani tramite le regioni, secondo un criterio ben stabilito.

Anche Catanzaro – continua – ha percepito questi soldi e il 20 ottobre 2020 il sito del comune tramite le politiche sociali attuava le procedure affinché i catanzaresi percepissero i voucher dal valore economico dovuto, secondo il nucleo familiare e le condizioni economiche e lavorative, da poter spendere nei vari negozi alimentari e di beni di prima necessità presenti in città.

Un piccolo sospiro di sollievo per tutte queste famiglie che si son visti prolungare nel corso dei mesi la possibilità di poter spendere la somma ricevuta. Ma, il comune di Catanzaro, non si sa per quale motivo – incalza – ha pensato bene di non rinnovare e deliberare l’ultimo slittamento che dava la possibilità alle famiglie di spendere i voucher fino al giorno 31 luglio 2021, nonostante i soldi in cassa. Cosa ancor più contorta è che il sito riporta come data ultima luglio ma, i negozi convenzionati a questa campagna di aiuto non possono prendere i voucher perché non verrebbero loro rimborsati.

Pertanto – conclude Mellea – chiedo al comune di Catanzaro, all’assessore delle politiche sociali e al Presidente della su citata commissione, di provvedere a deliberare il prolungamento dei buoni spesa e di slittarlo dei mesi persi, visto che sono diverse le famiglie che non hanno ancora usufruito della somma totale dei buoni spesa, erogata dallo Stato e in cassa all’ente comunale.

Più informazioni su