Quantcast

Tallini: “Occhiuto candidato una scelta di continuità”

L'intervento del consigliere regionale catanzarese nel corso della seduta odierna. "Spirlì si candidi"

Più informazioni su

    “L’on Roberto Occhiuto rappresenta la continuità del percorso politico intrapreso dalla compianta presidente Jole Santelli sia per cultura politica, sensibilità e visione moderna dei problemi. Abbiamo finalmente avuto l’opportunità di conoscere i nomi dei competitor che si sfideranno alle prossime elezioni regioni. Da ex consigliere regionale e conoscendo bene i meccanismi di questa istituzione, e metterà al servizio della Calabria, se eletto, il suo notevole bagaglio di esperienza e conoscenza a livello nazionale”.

    Lo ha detto il consigliere regionale Domenico Tallini intervenendo in aula nella seduta del Consiglio regionale che ha augurato un “in bocca al lupo” anche al presidente ff Antonino Spirlì. “Non sono stato molto tenero con lui – ha aggiunto Tallini – sui temi più scottanti, come la gestione della pandemia. Gli rimprovero, non essendo stato il solo a farlo, l’eccessivo personalismo con cui ha interpretato il ruolo assegnatogli dal destino tragico della morte della Santelli. Vista l’investitura ufficiale ricevuta dal leader del centrodestra riterrei doveroso e corretto, da parte del vice presidente Spirlì, di misurarsi direttamente con l’elettorato. È un consiglio spassionato che io faccio, così come dovrà fare necessariamente Roberto Occhiuto. La loro candidatura va posta sullo stesso piano. È una decisione che spetterà anche alla Lega. Sarebbe opportuno che il vice presidente Spirlì, per misurare il suo tasso di popolarità, capeggiasse le liste della Lega nelle tre Circoscrizioni calabresi, con un probabile effetto di trascinamento che potrà far ben al suo partito, e aggiungo, all’intero centrodestra calabrese”.

    “Voglio credere – sostiene ancora Tallini – che il vice presidente Spirlì non si limiterà a questo, e formerà, così come sta facendo molto bene l’on. Occhiuto, una lista satellite, direttamente da lui ispirata; per esempio, una lista del vice presidente che certamente potrebbe rappresentare una carta in più ed una chance in più per lo schieramento del centro destra. Facendo così, Spirlì farà tacere le voci critiche, compresa la mia, dimostrando a tutti i candidati e ai militanti della Lega, di non essere il solito nominato, raccomandato o abusivo, ma di essersi guadagnato sul campo quella investitura che qualcuno ancora in malafede magari gli contesta. Sarò il primo a ricredermi rispetto a certe convinzioni”. Un ultimo pensiero Tallini l’ha dedicato “alla Signora Ventura”, candidata della coalizione di centrosinistra, “alla quale rivolgo un in bocca al lupo assieme agli altri partecipanti nella certezza che ad ottobre la Calabria abbia finalmente un governo autorevole, serio, non improvvisato, affidato alle mani esperte di un cinquantenne come Roberto Occhiuto, nel pieno della sua maturità politica”.

    Più informazioni su