Quantcast

Santacroce (Coraggio Italia): “Centrodestra unito per Occhiuto presidente”

"Ci sono tutte le condizioni per dissipare le divergenze nazionali"

“Le fibrillazioni interne alla coalizione legate a vicende romane non devono intaccare il processo di svolta che in Calabria tutto il centrodestra sta organizzando attorno alla candidatura di Roberto Occhiuto”. Questo l’appello dell’ex consigliere regionale e già sindaco di Albi Frank Mario Santacroce, contenuto in una nota stampa, che di recente ha aderito a Coraggio Italia, movimento politico legato alle figure del governatore ligure Toti e del sindaco di Venezia Brugnaro.

“C’è un esigenza forte e urgente – afferma Santacroce – di ridare alla Calabria un governo stabile e duraturo che programmi e realizzi nel breve e medio termine tutti gli interventi infrastrutturali che verranno garantiti con i fondi del Recovery fund e per farlo bisogna avere una maggioranza coesa e determinata a pensare solo ad amministrare lasciando le beghe di partito o gli interessi dei singoli a casa. È un momento storico fondamentale per il nostro territorio e dobbiamo sfruttarlo al massimo”.

“La scelta del candidato governatore Occhiuto è la migliore che la Calabria potesse trovare per attivare una politica di rilancio e rinnovamento e il primo segnalare dato è stato quello di rilanciare l’idea di vagliare le candidature prima della presentazione delle liste che così possono restare pulite”, prosegue l’esponente di coraggio italia, precisando che “Fratelli d’Italia è una componente importante della coalizione, ricca di personalità e idee utili per la valorizzazione del programma elettorale e per amministrare la regione in modo innovativo”.

“Ci sono dunque – conclude Santacroce – tutte le condizioni per dissipare le divergenze nazionali e fare concentrare tutti sulla prossima competizione che sarà lunga e dura ma che deve vedere il centrodestra unito e sopratutto vincente. L’invito è rivolto ai leader regionali e nazionali dei partiti della coalizione di non dimenticare la nostra storia e di giungere in tempi brevi alla risoluzione dei problemi per tornare a parlare di programmi”.