Quantcast

Piano interventi idrici e stradali, Costanzo: “Bene per via Cavaglioti”

Per il consigliere comunale "era indispensabile un piano che tenesse conto del territorio pesantemente sottoposto a situazione di dissesto idrogeologico"

“Bene per via Cavaglioti!”. Lo scrive in una nota Sergio Costanzo, Capogruppo di Fare per Catanzaro.
“Apprendo – prosegue il comunicato stampa – con soddisfazione del piano di interventi per la regimazione idrica delle acque superficiali e messa in sicurezza stradale approvata dalla giunta. Si tratta, a mio avviso, di un piano che finalmente pone in primo piano la prevenzione e la messa in sicurezza di un territorio pesantemente sottoposto a situazione di dissesto idrogeologico, ma abbiamo assistito anche a scene di devastazione dopo piogge fitte che hanno provocato allagamenti in città oltre a smottamenti e frane. Scene di allagamenti che si sono ripetute in particolare nelle zone a sud della città, mentre frane e smottamenti si sono registrati nella parti più a nord del territorio”.

Era quindi secondo il consigliere comunale “indispensabile e urgente un piano che tenesse conto di queste situazioni che si sono registrate e dai suggerimenti venuti sia da parte degli stessi cittadini che dalle commissioni consiliari. Quindi apprezzo la decisione di procedere con un’opera mirata di prevenzione in vista della stagione invernale, in particolare per quanto concerne la contrada Cavaglioti in località Gagliano per la quale sono stati stanziati 300 mila euro per la messa in sicurezza della strada. E’ certamente un modo di fare buona politica a salvaguardia del territorio e dei cittadini residenti che hanno il diritto di vivere in territori sicuri. Un apprezzamento va anche ai tecnici settore gestione del territorio e ambiente per il lavoro svolto di individuazione delle situazioni più esposte al rischio e per l’individuazione delle soluzioni opportune soluzioni”.

Costanzo condivide, infine, “l’intenzione dell’amministrazione di intercettare nuove risorse attraverso la protezione civile per estendere analoghi interventi su tutto il territorio comunale. Un’opera di prevenzione che dovrebbe comprendere anche l’alveo della Fiumarella che già in passato ha provocato forme di inondazioni e destato non poche preoccupazioni alle famiglie che hanno le proprie abitazioni nelle vicinanze”.