Quantcast

Sant’Anna Hospital, ‘perchè l’Asp non procede con i pagamenti?’

L'intervento deil consigliere regionale Filippo Mancuso e dei i consiglieri comunali Eugenio Riccio, Andrea Critelli e Rosario Mancuso

“Apprendiamo che il Sant’ Anna Hospital, fiore all’occhiello della cardiochirurgia calabrese, ha sospeso ogni attività assistenziale.
Abbiamo a cuore il futuro della clinica catanzarese che dà lavoro a centinaia di famiglie ed intercetta il 30/35 % dei Lea cardiovascolari calabresi.

Siamo stati vicini ai lavoratori ed ai professionisti impegnati nella struttura in questo ultimo anno durante il quale il S. Anna Hospital ha ottenuto -unica clinica in Calabria- il rinnovo dell’accreditamento istituzionale (contrattualizzato per l’anno 2020 e poi per l’anno 2021).

Nonostante ciò il S. Anna Hospital non è oggi nelle condizioni di assicurare i requisiti minimi di sicurezza dei percorsi sanitari ed il management ha doverosamente interrotto ogni attività.

Ci è stato riferito che lo stop è dipeso dalla crisi di liquidità determinata dai mancati pagamenti Asp.

Stando a quanto appreso dai rappresentanti della Clinica i crediti certi liquidi ed esigibili ammontano ad almeno 30 mln a fronte di una pretesa dell’ASP di 17,5 mln, per i quali la stessa azienda sanitaria provinciale ha pignorato i conti correnti del S. Anna inibendo ogni possibile utilizzo di risorse.

Se tutto ciò corrisponde al vero ci chiediamo quali sono i motivi che impediscono al nuovo direttore generale ff dell’Asp dottor Lazzaro di procedere con il pagamento delle differenze a debito?”

Così in una nota il consigliere regionale Filippo Mancuso, i consiglieri comunali Eugenio Riccio e Andrea Critelli.

(immagine d’archivio)