Quantcast

Granato: “No a Super greenpass. Lo Stato dà più peso ai morti di Covid che di altre patologie”

"Tutti i giorni viviamo la tragedia delle ambulanze demedicalizzate, per cui il 118 non esiste più di fatto, ma l’emergenza in Italia è solo il Covid"

Più informazioni su

La senatrice Bianca Laura Granato è intervenuta nuovamente in maniera dura contro il cosiddetto super green pass. che estende l’obbligo di esibire la certificazione verde in tutti il luoghi di lavoro e di interesse culturale e sociale. “Quali interessi reali si celano dietro questa pandemia?” si chiede la senatrice Granato che torna ad esternare dubbi sui vaccini, sulla loro adeguata sperimentazione, sulla sicurezza, sull’efficacia avallando chiaramente posizioni no vax.

Secondo Granato l’obbligo ad esibire la certificazione non risponderebbe  all’effettiva esigenza di tutelare le persone, ma all’esigenza logistica dei somministratori. Intanto oltre 2 miliardi di euro del nostro bilancio sono stati messi a disposizione di nuovi acquisti di questi prodotti, dando a quei 26 morti di Covid al giorno un peso logistico ed economico decisamente sproporzionato rispetto ai 613 e dei 490pazienti che muoiono rispettivamente di patologie cardiovascolari e tumorali.

La parlamentare pone poi l’attenzione su altre problematiche della Sanità “Tutti i giorni viviamo la tragedia delle ambulanze demedicalizzate, per cui il 118 non esiste più di fatto, ma l’emergenza in Italia sono quei 4.000 contagi al giorno e i 26 morti al giorno di Covid? Ma chi vi autorizza a dare la priorità a delle patologie piuttosto che ad altre? Chi vi ha detto di puntare su una terapia preventiva così evanescente, costosa e rischiosa per il contrasto al Covid? La risposta a queste domande va purtroppo lasciata alle procure, ma in parte sicuramente si trova nei lunghi omissis dei contratti, completamente secretati e rispetto ai quali abbiamo solo una certezza: che le Big Pharma non risponderanno degli eventi avversi correlati a quei prodotti”.

Più informazioni su