Quantcast

Incontro in Libano tra il coordinatore Calabria dell’Area di Centro Speziali e il cardinale Butros Rai

Più informazioni su

    Incontro questa mattina tra Vincenzo Speziali Coordinatore Regionale Federativo Calabria dell’Area di Centro e il Cardinale Beshara Butros Rai, Patriarca di Antiochia dei Cristiani Maroniti. Incontro si è svolto nel Patriarcato Maronita di Bkerke’ (Libano), durante la visita, fa sapere Speziali

    “che ho reso, assieme a Madame Youmna Gemayel, in forma ufficiale, alfine di renderlo edotto, dell’intensa attività che si sta portando avanti in Italia, anche attraverso il mio incessante impegno, a favore di una sintesi (più amplia possibile) dell’area politica centrista e moderata – comprendente le culture democristiane, liberaldemocratiche e riformiste- che si identificano nel PPE in Europa e nell’Internazionale Democratica Cristiana e di Centro nel mondo e quest’ultima che ha come leader l’ex Presidente del Libano Amine Gemayel.

    Sua Eminenza ha tenuto a far sapere, espressamente, attraverso un collegamento video telefonico con il Senatore Clemente Mastella, Segretario Nazionale di Noi di Centro -che, sempre Sua Eminenza, ricordava dai tempi in cui era in Vaticano ed estendendo, con cordialità i saluti alla Senanatrice Sandra Leonardo- con l’Onorevole Alessandro Colucci, Responsabile Nazionale Organizzativo di Noi con l’Italia e con l’Onorevole Giuseppe Galati, di non solo guardare con interesse bensì con assoluta condivisione e supporto, le iniziative intraprese dal sottoscritto, alfine di partire dal modello federativo nato in Calabria e da me coordinato, alfine di replicare ovunque in Italia tale esperimento e finalizzato a dare una casa unitaria ai moderati.

    Sua Eminenza Reverendissima e Beata, ha anche espresso il desiderio ai suoi interlocutori, di poterli incontrare -con me- a Roma (al collegio Maronita), durante il suo prossimo viaggio nel mese di Febbraio, assieme all’Onorevole Lupi (il quale oggi non è potuto intervenire), e ha ringraziato la nostra area politica dell’interesse che ho espresso a favore della presenza dei Cristiani nell’area mediorientale, i quali sono motore di convivenza pacifica per gli appartenenti a tutte le confessioni religiose.

    Nel congedare il sottoscritto e gli amici in videochiamata, ha ribadito come lui mi sia vicino e sostiene con forza e convinzione questa mia coraggiosa e coerente opera, al servizio dell’Italia, sempre amata da tutti, lui compreso”.

    Più informazioni su