Quantcast

Presidente Repubblica e Governo, Tassone: “Mattarella bis per ritrovare dignità”

Coalizioni inconsistenti a destra e al sinistra. Necessario recuperare la politica

Più informazioni su

Nelle conclusioni delle riunioni del centro destra prima e del centro sinistra, dopo, convocate per la elezione del Presidente della Repubblica – scrive in una nota stampa Mario Tassone segretario nazionale del Nuovo Cdu -risaltano le sempre maggiori insufficienze del sistema politico, che rende più complicata la scelta del nuovo Capo dello Stato .

L’incontro del centro destra, in cui Berlusconi ha ritirato la candidatura , conferma che la coalizione non c’è, sostanzialmente dall’inizio della legislatura. Come si può chiamare coalizione quando le tre formazioni politiche hanno percorso strade diverse rispetto allo stare o meno nel governo ? (primo Governo Conte la Lega entra in maggioranza mentre Forza Italia e FdI restano all’opposizione; nel Governo Draghi FdI resta all’opposizione).

Infatti i giudizi sulla continuità della legislatura e dell’azione di governo contenuti nel documento presentato da Forza Italia non concordato, hanno trovato il vivace dissenso dell’on.Meloni che sta all’opposizione.

Anche la coalizione di centro sinistra è soltanto nominale, perché non c’è la sintesi di un progetto ma un esercito di seminatori di parole e di impegni variamente assunti.
Quanto preoccupa è il collasso del sistema istituzionale.

Oggi si parla del governo ed è comprensibile, ma non si pone nessuna attenzione al cedimento delle strutture ordinamentali, che rendono la scelta del Capo dello Stato la più anomala rispetto al passato.

Non porsi la necessità di recuperare la politica, di favorire, con la fine delle formazioni pseudo politiche “fai da te”,dei movimenti, il ritorno dei partiti e la introduzione del sistema elettorale proporzionale con le preferenze, è un limite enorme, un imbroglio difronte una situazione che richiederebbe ben altro. Occupano la scena quegli stessi giocolieri che hanno umiliato la democrazia.

Non si sa chi sarà eletto ma non far tesoro in questi momenti delle esperienze vissute con sofferenze, è miopia.
Ecco perché più volte ho proposto il rinnovo del mandato a Mattarella.
Una scelta che invertirebbe la tendenza al ribasso per ricucire storie di dignità in un quadro di valori e riprendere la strada per risalire!

Più informazioni su