Quantcast

Discontinuità, candidati consiglieri Polimeni (FI) e Celia (PD) ai ferri corti a Monitor

A una settimana dalla presentazione liste a buon punto anche se da limare

Più informazioni su

Interessante puntata in diretta di Monitor Speciale Elezioni sulla Web TV di Catanzaroinforma.it e in differita su L’altro Corriere TV alle 22, canale 75 DT, per la regia di Giuseppe Cristiano.

A rispondere alle domande di Raffaele Nisticò erano il coordinatore cittadino per Catanzaro di Forza Italia Marco Polimeni e il segretario cittadino del Partito democratico Fabio Celia. Mentre Ugo Palmerino si è occupato di trasferire in trasmissione le sollecitazioni provenienti dal pubblico social. Tema ovviamente le prossime elezioni amministrative del 12 giugno che daranno un nuovo Consiglio comunale e un nuovo sindaco a Catanzaro. Celia e Polimeni hanno condiviso, su posizioni e con responsabilità differenti e opposte l’esperienza in Consiglio, perlomeno fino al gennaio 2020 quando Celia dall’opposizione si è dimesso in seguito all’esplodere di Gettonopoli mentre Polimeni ha continuato a esercitare le funzioni di presidente del Consiglio.

Da notare che alle comunali del 2017 ambedue erano stati candidati in liste differenti dai partiti che ora rappresentano: a testimonianza dell’estrema fluidità che ha caratterizzato e continua a caratterizzare il Consiglio comunale uscente, pallido riflesso di quello stabilito dal voto degli elettori, caratterizzato da un corposo Gruppo misto, nuove aggregazioni, cambi di postazione, consunzione dell’opposizione ridotta riguardo ai termini numerici. Appare pertanto quanto mai opportuno riposizionare tutte le pedine su una scacchiera ormai molto confusionata che non rispecchia più la volontà originale degli elettori, e che stancamente si avvia a chiudere l’esperienza degli ultimi mandati caratterizzata dalla longeva esperienza di Sergio Abramo.

Ambedue i candidati hanno dato notizie sullo stato di salute delle proprie liste e delle coalizioni di riferimento. Fabio Celia ha confermato che i dirigenti nazionali del partito sono in costante contatto con le strutture locali per dare continuità all’impegno richiesto dal responsabile nazionale Boccia ai dirigenti per dare forza e compattezza alla lista, che concorre alla candidatura di Nicola Fiorita. Marco Polimeni ha anticipato che la lista di Forza Italia, parte della coalizione che vuole sindaco Valerio Donato, avrà una forte connotazione civica, tanto da chiamarsi “Catanzaro Azzurra” con una simbologia vicina ma non uguale alla classica di partito. Il dialogo tra i due esponenti politici è stato improntato alla dialettica spesso pungente, che in qualche occasione è diventata anche accesa, pur sempre nei limiti della buona creanza.

Particolare oggetto del contendere la possibilità o meno di poter dare luogo alla tanto dichiarata discontinuità con la partecipazione di molti rappresentanti dell’attuale maggioranza. È questo in particolare il rilievo sottolineato da Celia. Polimeni, di converso, ha ribadito che in fatto di coerenza nessuno nelle condizioni attuali può scagliare la prima pietra e che sarebbe ora di smetterla di fare rilievi sulla trasversalità e disomogeneità degli schieramenti, in particolar modo del suo, ma di pensare una buona volta ai programmi per lo sviluppo della città. Su questo punto al momento si deve andare un po’ pescando tra le diverse uscite pubbliche dei candidati sindaco, in attesa che si presentino liste e linee programmatiche. Manca ormai poco, appena una settimana, essendo la scadenza di presentazione fissata nei trenta giorni antecedenti il voto.   

Più informazioni su