Quantcast

Incontro con il ministro per le Disabilità, positivo il giudizio di Alecci

"Non basta essere presenti sui territori, occorre comprenderne le peculiarità e impegnarsi per trovare le soluzioni giuste alle varie esigenze, aiutando le amministrazioni locali a migliorare le prestazioni e i servizi nei confronti della popolazione"

Più informazioni su

“Ho risposto con piacere all’invito dell’Assessore Regionale alle Politiche Sociali Tilde Minasi partecipando oggi presso la Cittadella Regionale all’incontro con il Ministro per le Disabilità Senatrice Erika Stefani. Giudico positivamente i momenti di confronto di questo tipo tra i vari livelli dell’amministrazione statale, per avere la possibilità di portare in maniera diretta all’attenzione del Governo le problematiche dei nostri territori. Ma, nondimeno, ritengo fondamentale che a questi incontri debbano seguire degli atti concreti e mirati”. Lo afferma in una nota il consigliere regionale Ernesto Alecci.

“Non basta essere presenti sui territori, occorre comprenderne le peculiarità e impegnarsi per trovare le soluzioni giuste alle varie esigenze, aiutando le amministrazioni locali a migliorare le prestazioni e i servizi nei confronti della popolazione. Ciò assume un valore decisivo soprattutto rispetto a tematiche delicate come la disabilità, dove si registrano ancora nella nostra regione condizioni di vita al limite della dignità umana per tante persone fragili e per le loro famiglie – si legge nella nota. In tal senso, reputo fortemente prioritario assegnare più risorse agli Ambiti e ai Comuni con maggiori difficoltà per potenziare i Servizi Sociali e metterli in condizione di rispondere con sempre più efficacia alle richieste della cittadinanza. Purtroppo in alcuni casi, invece, il Governo, attraverso i propri interventi ha di fatto “premiato” i Comuni in cui la rete dell’assistenza sociale è più strutturata e diffusa sul territorio, penalizzando, invece, le zone in cui questa rete avrebbe bisogno di maggiori risorse per rispondere ai bisogni storici ed emergenti del disagio sociale”.

“Mi riferisco, ad esempio, al Decreto del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali del 4 febbraio 2021, relativo alla concessione dei contributi per il potenziamento dei servizi sociali comunali. Una questione che avevo sollevato più di un anno fa e che sta ancora passando in assoluto silenzio, senza un’adeguata rettifica. Sebbene il decreto si ponesse, infatti, l’obiettivo di potenziare il sistema dei servizi sociali – si legge – aumentando il numero di assistenti sociali sul territorio, attraverso la riduzione del rapporto tra assistenti sociali e popolazione residente fino ad almeno 1 assistente ogni 5.000 residenti, in concreto, così come è scritto, rende praticabile questa strada solamente a quegli Ambiti/Comuni che hanno già un rapporto di uno ogni 6.500 residenti. In tal modo sono stati penalizzati proprio quei territori in cui il rapporto è più alto e quindi la necessità di potenziare i servizi è maggiore. Cioè si continua a dare più risorse a chi ne ha meno bisogno, aumentando ancora di più il divario tra i Comuni che possono dare risposte in maniera veloce ed efficace ai cittadini e quelli in cui tali servizi rimangono sempre più intermittenti e sottodimensionati. Comuni localizzati in massima parte nel Meridione d’Italia. Una scelta a mio avviso illogica e contraddittoria che deve essere necessariamente modificata, per permettere a tutti i Comuni di accedere ai fondi previsti, e in particolar modo a quelli che ne hanno più necessità. Per una società più equa e più giusta!”.

Più informazioni su