Quantcast

Presentate le liste “Prima l’Italia” e “Alleanza per Catanzaro”

Le opinioni di Mancuso e Longo

“Un ringraziamento a coloro che si sono prodigati per organizzare tecnicamente e presentare le liste ‘Prima l’Italia’ e ‘Alleanza per Catanzaro’. E buon lavoro a coloro che dovranno assicurare lo svolgimento sereno e democratico della fase elettorale”.
Lo dice Filippo Mancuso, presidente del Consiglio regionale ed esponente della Lega, che aggiunge: “Adesso, il nostro impegno – saltando a piè pari i meschini tentativi di alcuni competitor della sinistra di coinvolgerci in polemiche stucchevoli, attraverso una distorta chiave di lettura di alcune mie frasi estrapolate da un ragionamento più ampio – è parlare ai cittadini. In particolare, alle categorie economiche, sociali e culturali, per confrontarci sull’ottimo programma con cui, assieme al candidato sindaco Valerio Donato – la cui autonomia intellettuale e le cui competenze professionali sono una solida garanzia per il buon governo della città – si intende cogliere ogni opportunità di questa fase storica.

A partire dalle risorse del Pnrr, che vanno indirizzate allo sviluppo sostenibile. Cosi come va colta l’opportunità di avere oggi una Regione, di cui siamo parte organica e dinamica, aperta al dialogo e all’ascolto. E pronta – conclude il presidente Mancuso – a mettere Catanzaro nelle condizioni di esercitare le prerogative, che lo Statuto regionale le conferisce, di guida istituzionale della Calabria e forza propulsiva e rigenerante per l’intera area centrale”.

Ad avviso di Franco Longo, coordinatore di “Alleanza per Catanzaro”: “Dopo un lavoro organizzativo intenso, possiamo finalmente misurarci con l’elettorato, per esporgli compiutamente le nostre proposte e le nostre ragioni. L’obiettivo è promuovere sviluppo e crescita economica. Tutto, in una prospettiva dii utilità per la città che deve affrontare sfide importanti che può senz’altro vincere. Valorizzando ciò che di buono è stato fin qui fatto e introducendo, al contempo, le molte innovazioni che si rinvengono nel programma elaborato dal prof. Donato e per la cui realizzazione ci impegniamo attivamente, in una logica di squadra che dà valore al pluralismo culturale, civico e politico”.