Nicola Fiorita: “I miei primi 30 giorni da sindaco e il richiamo al rispetto delle regole”

Il primo cittadino scrive un post su Facebook: "Si tratta di segnali parziali, ma ugualmente significativi"

Più informazioni su

E’ passato appena un mese – scrive Nicola Fiorita in post facebook di primo bilancio pubblicato questa mattina su Facebook – da quella indimenticabile notte in cui la mia Città, la mia gente mi ha concesso l’onore più grande che possa toccare ad un uomo: diventare Sindaco, la persona che – primo tra eguali – ha il compito di guidare la Comunità, assicurandole benessere, sviluppo e futuro.

E’ passato appena un mese, ma è come se fosse passata un’eternità. Sento addosso la grande responsabilità che mi è stata affidata e so che non posso deludere i miei concittadini.
Fare il sindaco è una scelta che implica gioie indescrivibili e preoccupazioni altrettanto intense. E’ la stessa emozione/preoccupazione di chi decide di mettere su una famiglia.

E’ cambiata la mia vita e ho il dovere di cambiare in meglio la vita degli altri. Non è facile e confermo anche oggi, dopo avere toccato con mano le gravissime carenze strutturali del Comune, di non avere alcuna intenzione di lamentarmi o scaricare sugli altri i problemi.

Ho aggredito, con entusiasmo e grinta, le emergenze: dai rifiuti all’acqua, dalla sanità alla depurazione, dalla situazione delle scuole alla sicurezza. Ora, formata da Giunta, si metterà mano ai programmi e ai progetti più grandi e ambiziosi.

Un piccolo/grande merito voglio però ascriverlo alla nuova Amministrazione. Quello di avere lanciato un forte richiamo al rispetto delle regole, condizione essenziale per il buon funzionamento di una Città e per favorire il vivere civile di una Comunità.

Si tratta di segnali parziali, ma ugualmente significativi. Avere scovato decine e decine di allacci abusivi dell’acqua, vietato gli accampamenti nell’area Teti di Lido, installato le fototrappole per i furbetti della spazzatura, contrastato i parcheggi selvaggi nella pineta di Giovino, è servito per dire a tutti che le regole si rispettano e che da qui si parte per cambiare la Città. E’ vero, è ancora troppo poco, ma la strada è quella giusta. Se ci sarà la collaborazione dei cittadini, i risultati si vedranno presto.

Buona domenica Catanzaro.

Più informazioni su