Lostumbo: non si tralasci il progetto per il centro polivalente per l’autismo

Una richiesta per conoscere lo stato di avanzamento del fascicolo è stata inoltrata al Settore Politiche sociali dal consigliere comunale ed ex assessore al Welfare

La realizzazione di un centro polivalente per l’autismo e altre disabilità finanziato con fondi regionali è oggetto di una richiesta che il consigliere comunale di Catanzaro Rosario Lostumbo ha rivolto al Settore politiche sociali del Comune per conoscere, anche attraverso copia degli atti, lo stato di adempimento delle relative pratiche.

Lostumbo ha ricoperto la carica di assessore al Welfare nella parte finale della precedente amministrazione Abramo, proprio nell’arco temporale che ha visto la giunta regionale approvare l’avviso che ha messo in grado il Comune di Catanzaro quale capofila dell’Ambito Territoriale Sociale di poter usufruire dei fondi necessari all’avvio del Centro. La richiesta è indirizzata, più che ai nuovi organi politici, alle strutture burocratiche del Settore e segnatamente al dirigente Antonino Ferraiolo con l’intento, evidente, di velocizzare l’iter onde evitare l’inopinata perdita del finanziamento.

Rosario Lostumbo “in qualità di Consigliere Comunale, ai sensi dell’art. 43 del Testo unico degli enti locali – è scritto nella nota – al fine di poter espletare al meglio le proprie funzioni di indirizzo e controllo degli atti degli organi amministrativi dell’ente locale; chiede di conoscere mediante risposta celere e scritta, lo stato dell’arte relativo alla pubblicazione dell’avviso riguardante “Centri polivalenti per giovani e adulti con disturbo dello spettro autistico e altre disabilità”- DGR 571/21 della Reg. Cal.- di cui l’Ambito territoriale sociale di Catanzaro risulta essere gestore/beneficiario di un importo di circa 300.000,00 euro insieme agli ambiti di Lamezia Terme, Soverato e Soveria Mannelli. Considerato che l’iter procedurale per l’avvio di tale attività, ha avuto inizio nel mese di febbraio, e successivamente ha visto il coinvolgimento degli altri A.T.S. mediante uno scambio di corrispondenze protrattesi fino al mese di giugno circa, (periodo in cui lo scrivente ricopriva ancora la carica di assessore al Welfare), ma che allo stato attuale risulta essere in notevole ritardo rispetto agli altri ambiti della Calabria”.

“Pertanto – prosegue la richiesta di Lostumbo – si ritiene utile e necessario sollecitare una tempestiva ed efficace operatività degli organi competenti al fine di portare a termine la procedura anzidetta (frutto anche del personale operato), cosciente dell’importanza di tale servizio per la città di Catanzaro e della ricaduta sociale che ne scaturisce, e nel contempo scongiurare la perdita del citato finanziamento”.

I centri di cui si occupa la richiesta di Lostumbo sono strutture per giovani e adulti con disturbo dello spettro autistico e altre disabilità con bisogni complessi. I centri polivalenti offrono diversi livelli di servizio (scolastici, sanitari, sociali e lavorativi) rivolti alla persona con disabilità al fine di realizzare progetti individuali con il coinvolgimento del beneficiario e delle famiglie.