Quantcast

Cos’è il chip NFC degli smartphone e a cosa serve

Presente anche nei dispositivi che vengono dati in dotazione agli esercizi commerciali

Più informazioni su

Quella che viene denominata come NFC è una tecnologia utile per la comunicazione e la connettività a corto raggio. L’impiego della Near Field Communication trova, tra le sue applicazioni più comuni, quella dedicata ai pagamenti elettronici. Vediamo come utilizzare lo smartphone, per saldare conti come se fosse un comune bancomat.

Cos’è il chip NFC dei telefoni cellulari

La tecnologia NFC, fino a pochi anni fa, era integrata solamente negli smartphone top di gamma, ma al giorno d’oggi è stata introdotta in numerosi strumenti di uso quotidiano, compresi gli smartphone e i tablet di fascia medio-alta.

In realtà questo sistema è presente anche nei dispositivi che vengono dati in dotazione agli esercizi commerciali, per abilitarli alla ricezione dei pagamenti tramite bancomat o carte di credito, ovvero i cosiddetti POS.

Quando si parla di Near Field Communication, ci si riferisce a un sistema bidirezionale a corto raggio, generalmente non superiore a 10 cm, che nello specifico permette la comunicazione wireless tra due dispositivi elettronici. Ciò significa che non c’è nessun bisogno di collegare dei cavi, per la trasmissione dei dati.

Infatti è sufficiente un contatto lieve o anche il semplice accostamento, al fine di creare una rete peer-to-peer, ovvero un sistema che dà la possibilità di scambiare informazioni tra i device coinvolti. Questa si crea e rimane attiva soltanto durante il lasso di tempo in cui gli apparecchi vengono messi in comunicazione, per poi decadere se la distanza tra di essi supera il limite entro il quale le tecnologie contact less possono agire.

A cosa serve l’NFC

L’NFC è un sistema sviluppato grazie alla collaborazione di numerose aziende leader del settore elettronico e delle telecomunicazioni.

Ma cosa rende questo tipo di tecnologia differente da quelle che possono sembrare affini, come il bluetooth, che è caratterizzato da un raggio d’azione maggiore?

Innanzitutto, va detto che il limite correlato alla prossimità può rendere l’uso dell’NFC più sicuro, dal momento che la comunicazione e lo scambio di dati tra due device non può avvenire se non c’è un contatto pressoché diretto.

Ecco perché questa tecnologia è stata sviluppata principalmente in funzione dei pagamenti elettronici, ovvero quelli che prevedono l’impiego dello smartphone come un vero e proprio portafoglio. Ciò è possibile attraverso l’installazione di apposite app, che possono essere quelle messe a disposizione dai vari istituti di credito internazionali. Oppure, per chi lo preferisce, possono essere usate le ben note Google Pay per Android, e Apple Pay, per iPhone.

Come riferito dal sito Androiday.com, un altro interessante utilizzo di questo piccolo processore, è riferito al trasferimento di dati tra due smartphone. Infatti è possibile scambiarsi foto o immagini, in maniera rapida e semplice. Molto utile quando non si ha disponibile una connessione dati, oppure uno dei due smartphone non è dotato di sistema bluethooth.

Perché è utile averlo

È proprio il chip NFC, a permettere di saldare il conto al ristorante passando il proprio smartphone sul POS, anziché utilizzare un bancomat o la carta di credito. L’utilità di questa operazione può risultare chiara se ci si sofferma su diversi aspetti e punti di vista.

Da un lato, bisogna considerare che la maggior parte delle persone, oggi, possiede e utilizza quotidianamente uno smartphone, sul quale sono in molti a installare app utili per svolgere diversi compiti. Se tra questi viene inclusa una funzione di pagamento tramite tecnologia NFC, risulta evidente che non si ha la necessità di portare con sè denaro contante o carte che possano essere perse. In pratica, viene meno l’impiego e, in fondo, il possesso di un portafoglio, a favore di una risorsa totalmente digitale. D’altro canto, la situazione pandemica globale in cui tutti si sono trovati, fin dall’inizio del 2020, ha richiesto molteplici soluzioni per evitare la diffusione del virus attraverso il contatto.

Proprio per questo motivo, oltre che per una reale e concreta comodità maggiore, l’NFC ha preso sempre più piede. Del resto, la tendenza mondiale sta puntando a eliminare il denaro contante in favore di quello digitale, anche attraverso questo tipo di tecnologia.

Più informazioni su