Quantcast

Stefania Zampogna, nuova presidente Simeup

Eletta dal Congresso Nazionale di Napoli

Più informazioni su

La dottoressa Stefania Zampogna è la nuova presidente della Simeup. E’ stata eletta, con grande partecipazione al voto, dal Congresso Nazionale di Napoli. Per la prima volta nella storia della Simeup una donna accede alla massima carica della Società. Succede al past president prof. Riccardo Lubrano e resterà in carica quattro anni. Con lei è stato eletto il nuovo Consiglio direttivo che sarà formato da: Tiziana Zangardi (vicepresidente), Francesco Carlomagno (tesoriere), Claudio Bondone, Massimo Chiossi, Francesca D’Aiuto, Francesco De Luca, Battista Guidi, Nicolò Parri e Debora Maria Luisa Simonetti (consiglieri). I revisori dei conti saranno Alessandro Canetto, Donatella De Martiis e Beatrice Messini. Ilaria Bergese sarà la nuova referente infermieristica.

La dottoressa Stefania Zampogna, specialista in Pediatria, Anestesia e Rianimazione e, Malattie dell’Apparato Respiratorio, ha sempre dedicato la sua attività assistenziale e formativa all’urgenza e all’emergenza pediatrica. Ha iniziato la sua attività di formazione nel lontano 2000 coordinando i centri di formazione in PBLS-MUP per il Centro-Sud. Oggi è anche formatore BLSD, triage, Istruttore di Triage, PEARS, PALS, Simulazione. Ha svolto diversi ruoli nei direttivi nazionali Simeup di cui è stata tra i fondatori nel 2003 al Politeama di Catanzaro. Ha contribuito a diffondere l’immagine e la cultura della Simeup organizzando eventi scientifici in ambito nazionale e internazionale.

“Sono ovviamente soddisfatta e ringrazio tutti per la fiducia che mi è stata accordata – ha detto la nuova presidente SIMEUP – Al di là della mia persona, credo sia davvero importante che per questo ruolo sia stata scelta una donna. Noi donne siamo capaci di ascolto, sintesi, equilibrio e condivisione. Spero di trovare in me stessa queste qualità e di essere capace di metterle in campo per il bene della SIMEUP. Ora, con il mio Team di persone straordinarie, intendo mettermi al lavoro per l’unità dei soci . Mi ispirerò ad un principio di continuità con i Presidenti che mi hanno preceduta ma voglio anche proiettarmi verso una nuova politica di engagement con un solo fine: aggregare le diverse componenti della disciplina d‘Urgenza-Emergenza Pediatrica nel rispetto reciproco delle competenze e professionalità. È per me un onore mettermi al servizio di una Società che ha raggiunto risultati di vera eccellenza, e di coordinare una squadra di Pediatri che rappresentano le migliori professionalità della nazione. Insieme lavoreremo per un sogno di una Società Scientifica che contribuisca sempre più a migliorare e proteggere la salute dei nostri bambini in tutte le situazioni di urgenza e emergenza su tutto il territorio nazionale. Una nuova SIMEUP inclusiva proiettata verso l’ascolto e verso il futuro in Italia e in Europa”.

Ecco i punti principali del programma che la nuova presidente intende portare avanti:

Clinica:

  • Uniformare i livelli di assistenza sul territorio nazionale
  • Implementare percorsi diagnostico-terapeutici pediatrici efficaci e condivisi tra
    Centri HUB / SPOKE e Territorioper garantire le cure più appropriate dei bambini anche
    attraverso la telemedicina
  • Uniformità dei criteri di trasporto pediatrico
  • Migliorare l’assistenza pediatrica in urgenza alla luce delle criticità emerse in corso di
    pandemia SARS CoV-2

Formazione

  • Promuovere e riformare i programmi di formazione SIMEUP, garantendone qualità e
    costante aggiornamento: Triage, BLSD, PALS, PEARS, Simulazione avanzata, ecografia,
    tossicologia, sedo-analgesia
  • Junior member SIMEUP: Intensificare la collaborazione SIMEUP -ONSP per la formazione
    degli specializzandi
  • Promuovere la formazione infermieristica nell’urgenza pediatrica in tutte le realtà
    ospedaliere
  • Consolidare i percorsi formativi nel contesto della protezione civile e in campagne di salute
    pubblica (es maxiemergenze, manovra per la vita, crisis management)

Clinical governance

  • Promuovere il modello organizzativo di Triage ed OBI pediatrico anche nei DEA degli
    ospedali generali.
  • Garantire l’assistenza specialistica pediatrica a tutti i bambini che accedono nei Pronto
    Soccorso generali.
  • Identificare le priorità di sviluppo assistenziale in emergenza – urgenza pediatrica in sinergia
    con la SIP, tramite partecipazione attiva ai tavoli tecnici Nazionali e Regionali
  • Creare sistemi di accreditamento per definire il profilo delle competenze specifiche del
    pediatra d’urgenza-emergenza.

Attività scientifica

  • Implementare social network e social software per promuovere progetti di ricerca
    multicentrici
  • Istituire uno strumento editoriale per la diffusione ed il coordinamento dell’attività scientifica,
    formativa ed assistenziale
  • Collaborare con associazioni di volontariato implementando attività di aiuto umanitario

 

 

 

Più informazioni su