Le rubriche di Catanzaro Informa - La bella notizia

Riesce a Saziarci!

Non sono le letture originali, ma rielaborazioni molto aderenti ai testi biblici, della Messa di Domenica 2 Agosto 2020.

DALLA PRIMA LETTURA (Isaìa 55,1-3)

Così dice il Signore Dio: “Voi che avete fame venite a Me: ed Io vi SAZIERÒ. Venite: a dissetarvi e sfamarvi gratis! Perché spendete soldi, per comprare cose che non vi possono SAZIARE? Su, datemi retta: fatevi nutrire da Me e vivrete. Perché Io manterrò con voi l’eterno patto d’amore stipulato con gli uomini: vi concederò i favori promessi al re Davide, SAZIANDOVI per sempre!”.

DAL SALMO RESPONSORIALE (Salmo 144,8-9.15-16.17-18)

Tu apri la mano, Signore: ed ogni essere vivente SI SAZIA. Dio è misericordioso e paziente: poco propenso alla rabbia, grande nell’amore. Egli è buono verso tutti: la Sua tenerezza si espande su tutti gli esseri viventi. Tutte le creature tendono la mano verso di Te, Signore: e tu dai loro il cibo al momento opportuno. Apri la tua mano: ed ogni essere vivente SI SAZIA. Le strade indicate dal Signore sono giuste: tutte le Sue opere, sono buone. Lui è vicino a chi lo invoca: a tutti quelli che si rivolgono a Lui, con amore e sincerità !

DALLA SECONDA LETTURA (lettera di Paolo ai cristiani di Roma 8,35.37-39)

Carissimi fratelli, chi mai potrà allontanarci dall’amore di Cristo? Forse l’angoscia? La sofferenza? La povertà? La persecuzione? Il pericolo? La morte? Noi abbiamo vinto tutte queste cose: proprio grazie alla forza di Gesù Cristo, che così tanto ci ha amati. Io sono certo infatti, che nessuno (né la morte né la vita, né il futuro né il presente, né le forze del cielo né quelle della terra) riusciranno mai ad allontanarci da Dio. Perché solo il Suo amore, rivelatoci attraverso Gesù Cristo, RIESCE A SAZIARCI !

DAL VANGELO (Mattèo 14,13-21)

Quando venne a sapere della morte di suo cugino Giovanni Battista, Gesù si rattristò profondamente. Decise allora di fermarsi per un po’: attraversando il lago in barca e ritirandosi in un luogo deserto. Ma le folle lo vennero a sapere: e non volendolo lasciare solo in un momento così doloroso, lo seguirono da terra a piedi.

Sceso all’altra riva allora, Gesù trovò le stesse persone che aveva lasciato: e si commosse. L’affetto che gli dimostravano cioè, gli fece capire che non poteva abbattersi: ma doveva continuare deciso la Sua missione. Così ricominciò subito a guarire molti malati, fino a sera.

Verso il tramonto i discepoli gli dissero: “E’ tardi maestro, e questo luogo è deserto: per oggi fermati, perché questa gente possa andare nei villaggi vicini a comprarsi da mangiare!”. Ma Gesù rispose: “Non ne avranno bisogno: perché gli darete da mangiare voi!”. I discepoli osservarono titubanti: “Ma noi abbiamo sì e no una cinquina di pani ed un paio di pesci!”. E Gesù deciso: “Dateli a me: e vedrete che tutti si SAZIERANNO!”.

Disse allora alla gente di sedersi ordinatamente sull’erba: poi prese il pane, rese grazie a Dio, lo spezzò e lo diede ai suoi discepoli per distribuirlo. E non si sa se Gesù moltiplicò il pane miracolosamente, o se ognuno tirò fuori il pane che aveva e lo condivise con gli altri, certo è che alla fine si SAZIARONO tutti: nello stomaco e nel cuore. Anzi addirittura i 12 apostoli, tornarono con 12 ceste: piene di pane avanzato! Quel giorno c’erano circa 5.000 uomini, senza contare le donne e i bambini: eppure Lui RIUSCI’ A SAZIARLI tutti !

a cura di Antonio Di Lieto

www.bellanotizia.it