Quantcast

Le rubriche di Catanzaro Informa - Contrappunti

Quando il carcere diventa un laboratorio di idee

Più informazioni su

La laurea in sociologia del dott. Curatolo, conseguita e celebrata tra le mura del penitenziario di Siano, è ovviamente molto più che un titolo accademico. Ricordo con straordinaria vivacità i momenti di scambio e di dialogo che abbiamo avuto con lui in diverse occasioni, nell’ambito del Laboratorio di Lettura e Scrittura del prof. Siciliani De Cumis, divenuto pian piano anche laboratorio di filosofia. Ed era davvero stimolante discutere con lui dei testi di Cacciari e di Ferraro, ma anche dei classici come Dostoevskij o Kierkegaard. Salvatore Curatolo si è laureato in sociologia in un universo in cui le “competenze” acquisite sono di gran lunga superiori a quelle che uno studente potrebbe conseguire in qualsiasi contesto universitario. La sua laurea, il suo studio, il suo impegno, sono anche il coronamento (uno dei tanti in verità) di quello straordinario laboratorio di idee, di confronti, di pensieri, che il carcere di Catanzaro è diventato in questi anni, sotto la guida lucida e determinata della dott.ssa Angela Paravati.

Ma al tempo stesso la sua laurea è anche un segnale potente, di cui sarebbe opportuno discutere anche e soprattutto al di fuori di quelle mura, perché rappresenta uno dei preziosissimi momenti in cui la pena detentiva riesce ad assurgere, almeno in parte, a quella che dovrebbe essere la sua funzione principale. Quella cioè di edificare piuttosto che distruggere, riparare piuttosto che vendicare. Una lezione di cittadinanza vera, come quella che con i ragazzi e le ragazze del liceo classico Galluppi avevamo imparato ad apprendere, nei bellissimi momenti laboratoriali condivisi per il progetto “biga alata” che, con un’altra lucida e determinata dirigente, la preside Elena De Filippis, avevamo con coraggio ed entusiasmo intrapreso. Sentieri interrotti, che grazie a questo segnale potente che ci regala Salvatore Curatolo, speriamo davvero di riprendere presto.

Massimo Iiritano, docente e saggista

Più informazioni su