Le rubriche di Catanzaro Informa - La bella notizia

Chi Soffre!

Più informazioni su


    Non sono le letture originali, ma rielaborazioni molto aderenti
    ai testi biblici, della Messa di Domenica 29 Settembre 2019.
     
    DALLA PRIMA LETTURA (libro del profeta Ámos 6,1a.4-7)
     
    Questa lettura è Parola di Dio. Quindi è Dio che ci parla e – per bocca del profeta Ámos – ci dice: “Non vivere spensierato e sicuro, fregandotene completamente di CHI SOFFRE! Non trascorrere le tue giornate mangiando a crepa pelle, sdraiato su divani di lusso: divertendoti ed ubriacandoti. Spendendo magari una fortuna per comprare un profumo: senza preoccuparti minimamente di CHI SOFFRE! Ai tempi dell’esilio del popolo ebraico, chi viveva così fu messo in testa al corteo dei deportati. Perché finisce sempre male, l’orgia di chi vive in modo egoista e sfrenato !”.
     
    DAL SALMO RESPONSORIALE (Salmo 145,7-10)
     
    Questo salmo è Parola di Dio. Quindi è Dio che ci parla e ci dice: “Loda sempre il Mio nome: con tutta la tua anima. Perché Io sono il tuo Signore: e non ti abbandonerò mai. Se SOFFRI TI AIUTO: se sei debole ti difendo. Se sei affamato ti sazio: se sei oppresso ti libero. Se sei cieco ti apro gli occhi: se cadi ti rialzo. Se sei forestiero ti proteggo: se sei giusto ti amo. Non vivere allora con malvagità, altrimenti Io sconvolgerò i tuoi piani: se invece sarai umile, quando sarai in difficoltà Io ti sosterrò. Perchè Io sono il Signore Dio, che da sempre regna su ogni generazione: AIUTANDO le persone CHE SOFFRONO !”.
     
    DALLA SECONDA LETTURA (prima lettera di Paolo a Timòteo 6,11-16)
     
    Questa lettera a Timòteo, è Parola di Dio. Quindi è Dio che ci parla e – per bocca di Paolo – ci dice: “Se vuoi veramente seguire Me che sono il Signore, evita di vivere pensando solo al danaro. Tendi invece a quelle che sono le vere ricchezze della vita: ad essere giusto e buono con CHI SOFFRE, ad avere fede in Me e carità verso il prossimo, ad essere mite e paziente con tutti. Combatti la buona battaglia della fede: ed un giorno raggiungerai la gioia eterna, alla quale sei stato chiamato quando hai fatto la tua professione di fede. Io che faccio vivere ogni cosa, e Gesù Cristo il quale fece anche Lui la Sua professione di fede davanti a Pilato, ti ordiniamo di conservarti puro, senza macchia, irreprensibile: per il giorno in cui tornerai a Noi. Quando quel giorno verrà, sarò Io a stabilirlo. Io che sono il beato ed unico sovrano dell’Universo, il Re dei regnanti, il Signore dei signori, il solo che gode dell’immortalità: e brilla di una luce di felicità immensa, che nessun uomo ha mai visto. Per questo, non smettere mai di darmi sempre gloria e onore: amen !”.
     
    DAL VANGELO (Luca 16,19-31)
     
    Questo passo del vangelo è Parola di Dio. Quindi è Gesù che ci parla e ci dice: “I farisèi erano uomini di fede, ma spesso dimenticavano di AIUTARE CHI SOFFRE: perchè pensavano solo ad accumulare danaro per se stessi. Per cui un giorno raccontai loro questa parabola:
     
    – “C’era una volta un uomo molto molto ricco, che indossava sempre abiti di lusso: ed ogni giorno mangiava fino a scoppiare. Stava sempre davanti alla sua porta un brav’uomo, un mendicante di nome Làzzaro: affamato e SOFFERENTE, sporco e ricoperto di piaghe. Avrebbe desiderato anche solo assaggiare, quello che l’uomo ricco buttava nella spazzatura: ma il ricco non gli dava niente. Anzi spesso lo vedeva buttato a terra, con i cani addosso che persino gli leccavano le piaghe: ma NON LO AIUTAVA.
     
    Un giorno il povero Lazzaro morì: e gli angeli lo portarono in Paradiso. Dopo un pò morì anche il ricco: e fu portato all’Inferno, come meritava. Mentre il ricco subiva terribili tormenti, alzò gli occhi verso l’alto e vide proprio Làzzaro, il mendicante che da vivo stava sempre sofferente davanti casa sua, ora beato in Paradiso: vicino ad Abramo, il padre di tutti i credenti. 
     
    Allora gridò: “Ti prego padre Abramo: ordina subito a Lazzaro di venire a portarmi un goccio d’acqua. Perchè qui si SOFFRE un calore insopportabile!”. Ma Abramo rispose: “Figlio, hai dimenticato che tu in vita non hai voluto AIUTARLO quando SOFFRIVA? Mi spiace, ma ora lui non può AIUTARE te! Ormai è troppo tardi: Dio ha stabilito che nessuno di noi può venire da voi nei tormenti, né voi potete venire qui nella gioia!”.
     
    Quello allora replicò: “Almeno dì a Lazzaro di andare subito ad avvertire mio padre ed i miei 5 fratelli. Anche loro vivono pensando solo a se stessi come me: e non voglio che facciano la mia stessa fine!”. Ma Abramo rispose: “I tuoi fratelli hanno la Bibbia e gli scritti dei profeti: ascoltino loro!”.
     
    Quello ribatteva: “Sì, ma se vedono un morto che resuscita, cambieranno di sicuro!”. Abramo allora scuotendo la testa, concluse: “Se non ascoltano la Bibbia ed i profeti, non cambieranno nemmeno vedendo resuscitare un morto!” -. Il regno di Dio infatti, è un regno di amore e di gioia: dove non può entrare chi ha pensato sempre e solo a se stesso. Chi non ha mai voluto muovere un dito, per AIUTARE CHI SOFFRE !”.

    Più informazioni su