Le rubriche di Catanzaro Informa - La bella notizia

Non avere paura

Più informazioni su


    Non sono le letture originali, ma rielaborazioni molto aderenti
    ai testi biblici, della Messa di Domenica 17 Novembre  2019.

     

    DALLA PRIMA LETTURA (libro del profeta Malachìa 3,19-20)

    Questa lettura è Parola di Dio. Quindi è Dio che ci parla e – per bocca del profeta Malachìa – ci dice: “NON AVERE PAURA! Perché arriverà il giorno in cui tutti i superbi ed i prepotenti della terra, saranno spazzati via e bruciati come la paglia: e di loro non resterà nemmeno il ricordo! Per te che sei umile e temi il Mio nome, invece, quel giorno sarà un vero trionfo. Sarà come una nuova alba: in cui finalmente sorgerà, il sole della giustizia !”.

     

    DAL SALMO RESPONSORIALE (Salmo 97,5-9)

    Questo salmo è Parola di Dio. Quindi è Dio che ci parla e ci dice: “Io sono il Signore: e giudico il mondo con giustizia. Cantami inni con la cetra: con la cetra e tanti strumenti a corda. Anche con i corni e le trombe, acclama a Me: che sono il Re dell’Universo. Saltate di gioia voi pesci del mare: e voi tutti abitanti della terra. I fiumi applaudano e le montagne esultino: davanti a Me che vengo, a giudicare la terra. Io giudicherò il mondo con bontà e giustizia: quindi, tu NON AVERE PAURA !“.


    DALLA SECONDA LETTURA (2^ lettera di Paolo ai cristiani di Tessalonica 3,7-12)

    Questa lettera di Paolo è Parola di Dio. Quindi è Dio che ci parla e – per bocca di Paolo – ci dice: “Ama gli altri come fratelli. E non fare come quelli che nella comunità di Tessalonica, ai tempi di Paolo avevano addirittura smesso di lavorare: pensando che la fine del mondo fosse vicina. Nessuno invece può sapere quando il mondo finirà: quindi, tu NON AVERE PAURA! Anzi prendi esempio da Paolo che, proprio quando era a Tessalonica, non stava senza far niente: ma lavorava duramente giorno e notte, per non essere di peso a nessuno. Avrebbe potuto anche farsi mantenere dalla comunità cristiana, ma non lo faceva: proprio per dare l’esempio. Ed infatti ai cristiani oziosi di Tessalonica, lui diede questa regola: “Non vuoi guadagnarti il pane? Bene. Allora non mangiarlo!”. Ed invece c’è sempre chi vive in modo disordinato, senza far niente: agitato e scontento. A te invece noi ordiniamo, Io e Mio Figlio Gesù Cristo, di lavorare: con impegno e serenità !”.

     

    DAL VANGELO (Luca 21,5-19)

     

    Questo vangelo è Parola di Dio. Quindi è Gesù che ci parla e ci dice: – Un giorno i Miei discepoli stavano ammirando IMPAURITI la grandiosità del tempio di Gerusalemme, con le sue pietre e le sue ricchissime decorazioni: segno della potenza terribile dei sommi sacerdoti. Ma Io dissi loro: “NON dovete AVERE PAURA! Verrà il giorno infatti, in cui tutte le cose costruite dagli uomini saranno distrutte: e non ne resterà in piedi, nemmeno una pietra!”.

     

    Quelli mi chiesero: “Ma come facciamo a capire quando questo accadrà, così ci faremo trovare pronti?”. Io allora risposi: “Quando il mondo finirà, nessuno può saperlo prima: per questo voi dovete essere pronti sempre! Molti verranno dicendo «il Messia sono io» oppure «è arrivata l’ora», ma tu non ascoltarli: NON AVERE PAURA! Anche se ci saranno guerre mondiali e terribili rivoluzioni, tu non temere: perché questo non necessariamente significa, che la fine del mondo è vicina”.

     

    Poi aggiunsi: “E se anche ci fossero terribili carestie, epidemie e terremoti, segni grandiosi nel cielo e fatti terrificanti sulla terra, Io resterò sempre con te: quindi NON AVERE PAURA! Anche se ti mettessero le mani addosso e ti picchiassero, se ti portassero in tribunale o in prigione, se ti trascinassero davanti ai re ed ai governanti solo perché sei mio discepolo, tu NON AVERE PAURA: anzi prendila come una buona occasione, per parlare di Me.

     

    Ed anche quando ti accuseranno, non preoccuparti troppo di cosa dire in tua difesa: perchè sarò Io a suggerirti le parole giuste. Ti darò una sapienza così grande, che i tuoi avversari non potranno resistere: né controbattere. Anche se fossi tradito dai parenti e dagli amici, e persino dai genitori e dai fratelli, odiato da tutti o addirittura ucciso, Io ti assicuro una cosa: del tuo capo, non si perderà nemmeno un capello! Se infatti saprai resistere fino alla fine, Io salverò la tua vita. Insomma non dimenticare mai che Io sono sempre al tuo fianco: perciò NON AVERE PAURA !”.


     

     

    a cura di Antonio Di Lieto

    www.bellanotizia.it

    Più informazioni su