Le rubriche di Catanzaro Informa - La bella notizia

Madre della pace

Più informazioni su


    Non sono le letture originali, ma rielaborazioni molto aderenti
    ai testi biblici della Messa di Capodanno 2020
    (Festa di Maria Madre di Dio e giornata mondiale della pace)

     

     

     

    DALLA PRIMA LETTURA (libro dei Numeri 6,22-27)

    Questa lettura è Parola di Dio. Quindi è Dio che ci parla e ci dice: “Io desidero che i sacerdoti vi benedicano, utilizzando questa formula che Io insegnai al sacerdote Aronne (fratello di Mosè): «Io sono il tuo Signore e ti benedico: ti custodisco e faccio risplendere su di te il Mio sorriso. Dal cielo ti guardo benevolo: e ti riempio di serenità e PACE !». Quando un sacerdote pronuncia queste parole quindi, non è lui che ti sta benedicendo: sono Io !”.

     

    DAL SALMO RESPONSORIALE (Salmo 66,2-3.5-6.8)

    Questo salmo è Parola di Dio. Quindi è Dio che ci parla e ci dice: “Io ti perdono, ti benedico e faccio risplendere su di te il Mio sorriso: affinchè tu e tutte le genti, possiate conoscere la Mia strada di salvezza. Gioisci e rallegrati: perché Io giudico e governo tutte le nazioni con giustizia. Per questo non smettere mai di lodarmi. Abbi sempre rispetto di Me: ed Io ti benedirò. Ti darò la Mia serenità e la Mia PACE !”.    

     

    DALLA SECONDA LETTURA (lettera di Paolo ai Galati 4,4-7)

    Questa lettera è Parola di Dio. Quindi è Dio che ci parla e – per bocca di Paolo – ci dice: “Ama gli altri come fratelli. E ricorda che Io ho fatto diventare Mio Figlio uomo, per far diventare tutti gli uomini miei figli! Quindi tu sei veramente mio figlio. Lo prova il fatto che batte nel tuo cuore lo Spirito di Mio Figlio, che ti insegna a rivolgerti a Me come ad un Padre: chiamandomi affettuosamente “Papà”! Ci pensi allora? Tu non sei mio “schiavo”: sei Mio “figlio”! E quindi sei anche Mio erede: chiamato a ricevere in eredità, il Mio magnifico regno di PACE!”.

     

    DAL VANGELO (Luca 2,16-21)

     

    Questo vangelo è Parola di Dio. Quindi è Gesù che ci parla e ci dice: “Quando sono nato, i pastori vennero a Betlemme e trovarono proprio quello che aveva detto l’angelo: Maria, Giuseppe ed Io – il Figlio di Dio – che dormivo su di un’umile mangiatoia per animali. Ed il loro cuore, che prima era angustiato da mille problemi, fu avvolto da una grande PACE. Subito riferirono ciò che aveva detto l’angelo su di Me, suscitando nei presenti un grande stupore. Per poi andarsene felici, lodando Dio per quello che avevano visto.

     

    Otto giorni dopo la mia nascita poi, com’è usanza tra gli ebrei, fui circonciso. E mi chiamarono “Gesù” (che significa “Salvatore”): come aveva detto l’angelo, prima che fossi messo nel grembo di Maria. Mia mamma comunque, non volle raccontare a nessuno di tutti questi grandi prodigi. Preferì conservarli nel suo cuore: che era avvolto da una grande PACE !”.


     

     

    a cura di Antonio Di Lieto
     

    Buon anno a tutti !
     

    www.bellanotizia.it

    Più informazioni su