Le rubriche di Catanzaro Informa - La bella notizia

Si manifesta a tutti i popoli

Più informazioni su


    Non sono le letture originali, ma rielaborazioni molto aderenti

    ai testi biblici, della Messa della Epifania
    (che letteralmente significa “manifestazione”).

     

     

     

    DALLA PRIMA LETTURA (libro del profeta Isaìa 60,1-6)

    Questa lettura è Parola di Dio. Quindi è Dio che ci parla e – per bocca del profeta Isaìa – ci dice: “Su, forza: alzati ed accendi il tuo viso di gioia! Non vedi che la Mia luce brilla su di te? Il buio avvolge tutta la terra, tutti i popoli brancolano nella nebbia fitta: ma su di te risplende la Mia luce. Perchè la Mia grandezza SI È MANIFESTATA A TUTTI I POPOLI: affinchè tutti possano camminare alla Mia luce. E TUTTI i re della terra, possano essere illuminati dal Mio splendore! Alza gli occhi, allora: e guarda quanta gente viene ad adorarmi. Quanti Miei figli vengono da lontano: quante Mie figlie arrivano da ogni parte del mondo. Tu li vedrai e sarai raggiante: ed il tuo cuore palpiterà di gioia. TUTTI I POPOLI verranno ad offrirmi doni, a ricoprirmi con l’abbondanza delle loro ricchezze: persino dai territori che stanno al di là del mare. Verranno con i cammelli dall’oriente, dalle regioni di Màdian e di Efa: addirittura dalla lontana isola di Saba. TUTTE le genti porteranno oro ed incenso, per adorarmi e proclamare la Mia gloria: perchè la Mia grandezza, si è MANIFESTATA A TUTTI I POPOLI !”.

     

    DAL SALMO RESPONSORIALE (Salmo 71,1-2.7-8.10-13)

    Questo salmo è Parola di Dio. Quindi è Dio che ci parla e ci dice: “Verranno ad adorarmi, TUTTI I POPOLI della terra. Io sono il tuo Dio: e ti dono la Mia giustizia. Per questo devi essere equo nel giudicare: ed avere un occhio particolarmente sensibile verso i poveri. In tutte le parti del mondo infatti, Io faccio sbocciare uomini giusti: affinchè abbondi la Mia pace su TUTTE le estremità della terra. Per questo verranno a portarmi doni i re di Tarsis: persino i governanti delle lontane isole di Seba e di Saba. Sì, TUTTI I POPOLI mi adoreranno in ginocchio: e mi serviranno. Perché Io sono il liberatore degli oppressi e l’aiuto dei poveri: il sostegno degli umili ed il salvatore dei deboli !”.

     

    DALLA SECONDA LETTURA (lettera di Paolo ai cristiani di Èfeso 3,2-3a.5-6)

    Questa lettera agli Efesini, è Parola di Dio. Quindi è Dio che ci parla e – per bocca di Paolo – ci dice: “Carissimi fratelli che abitate ad Èfeso, come già sapete Dio mi ha MANIFESTATO un messaggio di grazia per voi. Per mezzo del Suo Spirito ha rivelato a noi – suoi apostoli – un grande mistero, che non era stato svelato alle generazioni precedenti: che TUTTI I POPOLI – e quindi anche voi pagani – siete chiamati da Cristo ad ereditare il Suo magnifico regno. A formare con noi ebrei un unico corpo: ad essere anche voi beneficiari, di tutte le magnifiche promesse contenute nel vangelo. Gesù Cristo infatti non è venuto solo per il popolo ebraico: ma per MANIFESTARSI A TUTTI I POPOLI !”.  

     

    DAL VANGELO (Matteo 2,1-12)

     

    Questo vangelo è Parola di Dio. Quindi è Gesù che ci parla e ci dice: “Nell’antichità si pensava che il MANIFESTARSI di una stella nuova, fosse segno della nascita di un nuovo grande re. Per questo alla Mia nascita, Dio decise di far spuntare una stella nuova sopra Betlemme. Infatti dopo un pò, nella vicinissima Gerusalemme, giunsero dall’oriente alcuni “magi” – tre “saggi” re stranieri – dicendo: “Dal nostro paese abbiamo visto una stella nuova spuntare da queste parti: segno che qui è nato il nuovo re degli ebrei. Diteci dov’è: perchè noi siamo venuti ad adorarlo!”.

     

    All’udire queste parole Erode, il sanguinario re di Gerusalemme, fu assalito dalla paura di perdere il trono: allora riunì i capi dei sacerdoti per chiedere dove poteva essere nato questo bambino. I sacerdoti gli risposero: “Secondo la Bibbia dovrebbe nascere nella vicina Betlemme. Per bocca del profeta Michèa infatti, il Signore ha detto: «Io amo l’umiltà. Per questo farò nascere il Messia non in una città grande, ma a Betlemme: uno dei villaggi più piccoli della Giudèa. Da lì sorgerà il Pastore che guiderà e salverà il Mio popolo!»”.

     

    Erode allora fece chiamare segretamente i Magi: e si fece dire con esattezza il momento in cui era apparsa la stella (per sapere più o meno quanti anni poteva avere il bambino). Poi pensando di essere furbo, fu lui stesso a suggerire ai Magi di andare a cercarlo nella vicina Betlèmme, aggiungendo: “Quando lo trovate però, tornate a dirmi dov’è: perché pure io voglio andare ad adorarlo!”.

     

    Erode pensava di essere astuto, invece fu proprio lui a mettere i Magi sulla Mia strada. I tre re stranieri infatti si diressero subito a Betlemme: e quando la stella si fermò sopra la casa dove mi trovavo, sentirono una grandissima gioia. Entrati in casa videro Me e mia madre Maria, si inginocchiarono e Mi adorarono: offrendomi mirra, oro ed incenso.

     

    Stavano per tornare a Gerusalemme per dire ad Erode dov’ero, quando in sogno intuirono quali erano le sue intenzioni sanguinarie. Così decisero di non dirgli niente: e fecero ritorno al loro paese per un’altra strada. I primi personaggi importanti che Mi adorarono quindi, furono tre re stranieri. Questo era già un primo segno, del fatto che Io non sono venuto per portare la luce di Dio solo agli ebrei: ma per MANIFESTARMI A TUTTI I POPOLI !”.

     

     

    a cura di Antonio Di Lieto

    www.bellanotizia.it
     

     

    Più informazioni su