Le rubriche di Catanzaro Informa - La bella notizia

La domenica della felicità

Più informazioni su

    Non sono le letture originali, ma rielaborazioni molto aderenti ai testi biblici, della Messa di Domenica 12 Aprile 2020 (Domenica di Pasqua)

    DALLA PRIMA LETTURA (Atti degli Apostoli 10,34a.37-43)

    Questa lettura è parola di Dio. Quindi è Dio che ci parla e – per bocca di Pietro – ci dice: “Mio Figlio Gesù ha vissuto facendo sempre e solo del bene: guarendo moltissimi malati, sia in Galilèa che in Giudèa. Pietro e molti altri lo hanno visto: e lo possono testimoniare. Eppure è stato barbaramente ucciso: inchiodato ad una croce. Dopo tre giorni però, Io l’ho fatto risorgere: facendolo rivedere vivo non a tutti, ma a dei testimoni da Me scelti. A Pietro ed agli altri apostoli, che addirittura hanno avuto la possibilità di bere e mangiare di nuovo con lui, dopo la sua resurrezione. Ed ai quali Io ho dato l’ordine di annunziare a tutti, che Mio Figlio è il giudice dei vivi e dei morti. Tutti i profeti infatti, hanno annunziato la Sua venuta. E chiunque crede in Lui, riceverà il perdono dei peccati: e la FELICITA’ eterna!”.

     

     

    DAL SALMO RESPONSORIALE (Salmo 117,1-2.16-17.22-23)

    Questo salmo è parola di Dio. Quindi è Dio che ci parla e ci dice: “Io vi ho dato questo giorno di FELICITA’: rallegratevi ed esultate! Ringraziami sempre, perché io sono buono: il Mio amore è infinito. Perché Io sono intervenuto con la Mia mano potente: facendo prodezze per te. Ti ho liberato dalla morte, ti ho lasciato in vita: per annunziare i Miei prodigi. La pietruzza scartata dai muratori, Io la faccio diventare una colonna: ecco di quali meraviglie sono capace!”.

     

     

    DALLA SECONDA LETTURA (lettera di Paolo ai cristiani di Colòsse 3,1-4)

    Questa lettera è parola di Dio. Quindi è Dio che ci parla e – per bocca di Paolo – ci dice: “Ama gli altri come fratelli. E ricorda che se Cristo è risorto, anche tu devi sentirti risorto con Lui: devi concentrarti soprattutto sui beni di lassù, dove Lui ora si trova. Tieni allora il tuo sguardo, fisso alle cose del cielo: senza lasciarti assillare troppo dalle preoccupazioni terrene. Insomma, sentiti un pò come morto per questa terra: perchè la tua vita è già protesa verso Cristo, verso il cielo. E quando andrai da Lui, che è la tua vita, brillerai della Sua gloria in eterno: vivendo per sempre pieno di FELICITA’ !“.  

     

    DAL VANGELO DELLA MESSA DEL MATTINO (Giovanni 20,1-9)

     

    Questo vangelo è parola di Dio. Quindi è Gesù che ci parla e ci dice: “Al mattino della DOMENICA di Pasqua, mentre era ancora buio, Maria Maddalena si stava recando alla mia tomba: quando notò che la pietra che chiudeva il sepolcro, era stata spostata. Allora corse da Pietro e Giovanni e, tutta preoccupata, disse loro: «Hanno rubato il corpo di Gesù!». E i due si misero a correre subito verso il sepolcro.

     

    Giovanni arrivò per primo, ma volle aspettare Pietro prima di entrare. Da fuori comunque, vide la pietra spostata: e le bende che avevano avvolto il mio cadavere, a terra. Subito dopo arrivò Pietro, che si fece coraggio: ed entrò per primo. E notò che non solo c’erano le bende a terra, ma anche il sudario che aveva avvolto la mia testa sanguinante, in un canto: ben ripiegato! Anche Giovanni entrò, vide le stesse cose: e credette. Prima di allora non avevano fatto caso a quello che dicevano le Scritture: che il Messia doveva risorgere dalla morte. Ma ora capirono: e tornarono a casa, stracolmi di stupore e FELICITA’!”. 

    DAL VANGELO DELLA MESSA DEL POMERIGGIO (Luca 24,13-35)

     

    Questo vangelo è parola di Dio. Quindi è Gesù che ci parla e ci dice: – Era la DOMENICA di Pasqua: di pomeriggio. Io ero stato ucciso a Gerusalemme tre giorni prima e, due miei discepoli, se ne stavano tornando TRISTI al loro paese: un villaggio chiamato Èmmaus, ad undici chilometri da Gerusalemme. Mentre camminando parlavano amareggiati di tutto quello che era successo, proprio Io (in persona!) mi misi a camminare accanto a loro. Ma erano così TRISTI, che non mi riconobbero.

     

    Allora mi avvicinai e chiesi loro: “Scusate, ma che vi è successo? Perchè siete così abbattuti? Di che state parlando?”. Entrambi si fermarono. Ed uno dei due (si chiamava Clèopa), disse con TRISTEZZA: “Ma come? Non sai quello che è successo in questi giorni a Gerusalemme?”. Io facendo finta di niente, risposi: “Non lo so, che è successo? Raccontatemi …”.

     

    I due così dissero: “Il popolo ed i sommi sacerdoti, tre giorni fa hanno fatto crocifiggere Gesù: un profeta di Nazaret che parlava ed agiva a nome di Dio, con grande potenza. Noi credevamo fosse il Messia, ma evidentemente ci siamo sbagliati. Una cosa però ci ha sconvolti: alcune nostre donne stamattina sono andate alla Sua tomba e non hanno trovato il corpo. Anzi ci hanno detto di aver incontrato degli angeli che avrebbero detto che Gesù è risorto. Alcuni di noi sono andati a vedere la tomba: ed effettivamente il corpo non c’è. Gesù però non l’hanno visto: quindi probabilmente qualcuno avrà rubato il corpo …”.  

    Più informazioni su