Le rubriche di Catanzaro Informa - La Bella Notizia

A Braccia Aperte

Non sono le letture originali, ma rielaborazioni molto aderenti
ai testi biblici, della Messa di Domenica 28 Giugno  2020.

 

DALLA PRIMA LETTURA (2 Re 4,8-11.14-16a)

Quando il profeta Elisèo passava dalla città di Sùnem, c’era una signora anziana che lo ospitava sempre a casa sua: A BRACCIA APERTE. Era così felice di poter ospitare un uomo di Dio, che aveva chiesto al marito di costruirgli una cameretta solo per lui. Un giorno in cui si trovava là, il profeta Eliseo chiese al suo servo Giezi: “Cosa possiamo fare per questa donna tanto premurosa?”. Il servo rispose: “Non ha figli, ma ormai lei ed il marito sono troppo vecchi per averne”. Il profeta allora fece chiamare la donna. Quella arrivò e si fermò delicatamente davanti la porta. Le disse allora il profeta: “Quando verrò il prossimo anno, stringerai un figlio tra le tue BRACCIA. Il Signore ha accolto la tua preghiera, proprio come tu e tuo marito avete accolto me: A BRACCIA APERTE!”. 

 DAL SALMO RESPONSORIALE (Salmo 88,2-3.16-19)

Canterò per sempre l’amore del Signore: farò sapere a tutte le generazioni, quanto sei fedele. La tua fedeltà ed il tuo amore, infatti, sono stabili: durano per sempre. Beato chi ti sa amare: camminerà felice alla Tua presenza. Gioirà tutto il giorno della Tua giustizia. Perchè Tu ci dài forza e ci rialzi, ci stai vicino e ci proteggi: tenendoci sempre tra le Tue BRACCIA !

 

DALLA SECONDA LETTURA (lettera di Paolo ai Romani 6,3-4.8-11)

Fratelli miei, non sapete che chi è stato battezzato si è buttato nelle BRACCIA di Cristo? E’ morto e risorto con Lui: e come Lui vive una vita nuova? Gesù Cristo è veramente risorto dai morti: quindi la morte su di lui non ha più nessun potere. Così anche voi fate morire il vostro peccato: e rivivrete per sempre con Lui !

                                            

DAL VANGELO (Mattèo 10,37-42)

Un giorno Gesù disse ai suoi discepoli: “Non confidate troppo sugli uomini: contate soprattutto sull’aiuto di Dio. Chi infatti si affida solo agli esseri umani (fossero anche i suoi genitori o i suoi figli), prima o poi resterà deluso. Voi invece fate come me, prendete la vostra croce e portatela: confidando solo nel Signore. Chi mi dona la sua vita infatti, non la perde: la ritrova. E beati gli uomini che vi accoglieranno: perchè così io accoglierò loro in Paradiso. Perchè chi accoglie voi, accoglie me. Ed in cielo sarà accolto da me allo stesso modo: A BRACCIA APERTE!”.

 

 

 

a cura di Antonio Di Lieto

www.bellanotizia.it