Le rubriche di Catanzaro Informa - La bella notizia

Generosità e giustizia

Più informazioni su

Non sono le letture originali, ma rielaborazioni molto aderenti
ai testi biblici, della Messa di Domenica 20 Settembre 2020.

 

DALLA PRIMA LETTURA (Isaìa 55,6-9)

Così dice il profeta Isaìa: “Cercate il Signore e lo troverete: perché Lui è sempre vicino a chi lo invoca. Chi è malvagio, cambi subito: rinunci ai suoi pensieri violenti! Ritorni a Dio pentìto, e il Signore lo accoglierà a braccia aperte: con grande GENEROSITÀ! Perché i Suoi pensieri non sono come i nostri: e le Sue azioni non sono come le nostre. Come il cielo è molto più alto della terra, così i comportamenti ed i sentimenti di Dio sono molto più alti di quelli degli uomini: perché sempre mossi, da grande GENEROSITÀ E GIUSTIZIA !

 

DAL SALMO RESPONSORIALE (Salmo 144,2-3.8-9.17-18)

Il Signore è vicino a chi lo invoca. Mio Dio, voglio benedirti ogni giorno: e lodarti sempre. Tu sei grande e degno di lode: perchè la Tua GENEROSITÀ è infinita! Il Signore è misericordioso e paziente: poco propenso alla rabbia e grande nell’amore. Buono verso tutti: tenero con tutte le creature! Le Sue strade sono sempre GIUSTE: le Sue azioni buone e GENEROSE. Perché il Signore è vicino a chi lo invoca: a tutti quelli che si rivolgono a Lui, con sincerità!

 

DALLA SECONDA LETTURA (lettera di Paolo ai cristiani di Filìppi 1,20c-24.27a)

Carissimi fratelli, non so se vivrò o morirò: qualunque sia la mia sorte comunque, renderò sempre gloria al Signore! La mia vita infatti, io l’ho già donata a Cristo: quindi anche morire, per me sarebbe un guadagno. Ma se vivere significa portare frutti alla vigna del Signore, allora non so proprio cosa scegliere. Sono combattuto insomma tra questi due desideri: da un lato vorrei lasciare questa vita per poter raggiungere Cristo (il che sarebbe assai meglio per me!), ma forse è meglio per voi che resti qui. Ad ogni modo, voi comportatevi sempre in modo degno del vangelo di Cristo. E per il resto lasciamo fare a Dio: affidandoci alla Sua immensa GENEROSITÀ E GIUSTIZIA !

 

DAL VANGELO (Matteo 20,1-16)

 

Per far capire che il Signore è sempre GENEROSO E GIUSTO, un giorno Gesù fece ai suoi discepoli quest’esempio: «Dio è come quell’imprenditore agricolo che un mattino esce da casa per assumere a giornata lavoratori per la Sua vigna.

 

All’alba ne trova alcuni, e promette loro una ricompensa molto GENEROSA: 100 euro al giorno. Quelli accettano subito: e cominciano a lavorare di buon mattino. Verso le nove poi il padrone esce di nuovo, chiama alcuni che se ne stavano in piazza disoccupati, e dice loro: “Andate anche voi a lavorare nella Mia vigna: e poi alla fine vi ricompenerò per quanto è GIUSTO!”. E così quelli andarono a lavorare un po’ più tardi: alle nove.

 

Poi quel padrone uscì di nuovo, ed assunse altri lavoratori anche a mezzogiorno ed alle tre del pomeriggio. E persino alle cinque, un’ora prima del tramonto, vedendo dei disoccupati in piazza li chiamò dicendo: “Perché ve ne state qui tutto il giorno: senza fare niente?”. Quelli risposero: “Perché nessuno ci ha chiamati a lavorare!”. E Lui: “Non preoccupatevi: anche se la giornata è quasi finita, andate anche voi a lavorare nella Mia vigna!”. E quelli, pur sapendo che probabilmente avrebbero guadagnato poco, andarono felici: con gratitudine ed umiltà.

 

Terminato l’orario di lavoro, il padrone allora disse al suo fattore una frase molto simile a quella che dirà il Signore alla fine dei tempi: “Ora dobbiamo dare ad ognuno la GIUSTA ricompensa!”. Così fece venire avanti per primi, quelli che avevano cominciato a lavorare per ultimi. E per premiare la loro umiltà, fece un gesto molto GENEROSO: diede loro la paga di una giornata intera. 100 euro! Avendolo saputo, gli altri pensarono presuntuosamente: “Noi abbiamo iniziato a lavorare per primi: deve darci di più!”. Ma quando arrivò il loro turno, ricevettero solo i 100 euro pattuiti. Così uno di loro prendendo i soldi, mormorò contro il padrone dicendogli con disprezzo: “Questa non è GIUSTIZIA! Loro sono arrivati ultimi ed hanno lavorato solo un’ora, e tu li hai trattati come noi che siamo arrivati primi: sgobbando al caldo una giornata intera!”.

 

Ma il padrone lo ammonì severamente. E gli disse: “Amico mio, io non ti ho fatto nessuna INGIUSTIZIA: non ti ho dato forse i 100 euro che avevamo pattuito? Quindi ora prendili: e vattene. Se io voglio essere GENEROSO con quelli che sono arrivati ultimi, devo forse rendere conto a te? Non posso fare dei miei soldi quello che voglio? O perchè tu sei invidioso, non posso essere buono?”». Concluse allora Gesù: “Così accadrà nel regno dei cieli: quelli che invidiosi vogliono essere a tutti i costi i primi, saranno gli ultimi. Mentre quelli accettano con umiltà di essere ultimi: saranno i primi!”. Perchè Dio ricompenserà tutti, con estrema GENEROSITÀ E GIUSTIZIA !

a cura di Antonio Di Lieto

www.bellanotizia.it

Più informazioni su