Quantcast

Le rubriche di Catanzaro Informa - La bella notizia

Alcuni si sentono grandi: ma in realtà sono solo malvagi

Più informazioni su

DALLA PRIMA LETTURA (libro della Sapienza 2,12.17-20)

Alcuni si sentono GRANDI: ma in realtà sono solo malvagi. Quando vedono una persona giusta, dicono fra loro: “Facciamolo fuori! Quest’uomo è per noi un intralcio: un ostacolo per i nostri progetti malvagi. Lui ci accusa, dicendo che non abbiamo rispetto degli uomini: nè della legge di Dio. Ma vedremo come andrà a finire: se veramente verrà Dio a salvarlo! Mettiamolo alla prova con violenze e tormenti: e vedremo se riuscirà a mantenere la sua mitezza. Ricopriamolo di accuse, condanniamolo a morte: e vedremo se è vero che Dio aiuta gli umili. Se veramente scende in difesa, dei PICCOLI !”.

DAL SALMO RESPONSORIALE (Salmo 53,3-6.8)

Il Signore sostiene la mia vita. Mio Dio, per amore del tuo nome: salvami. Con la tua potenza intervieni: e fammi giustizia. Ascolta la mia PICCOLA preghiera: porgi l’orecchio alle mie parole. I miei nemici si sono messi contro di me: e vogliono rovinarmi. Si credono GRANDI, ma in realtà sono solo prepotenti: e di Te non hanno nessuna considerazione. Io invece so, che Tu sostieni la mia vita. Per questo ti offrirò sacrifici: con tutta l’umiltà del mio cuore. Voglio lodarti Signore: perché sei buono !

 DALLA SECONDA LETTURA (lettera di Giacomo 3,16 – 4,3)

Carissimi fratelli, smettetela di SENTIRVI GRANDI: di stare sempre col dito puntato contro tutti! Chi vive di gelosie e contese infatti, terrà sempre comportamenti disordinati e cattivi. Chi invece segue la sapienza di Dio, ha un cuore PICCOLO e puro, umile e mite, pacifico ed arrendevole, buono e generoso, imparziale e sincero. Queste persone diffondono serenità: sono come contadini, che seminano semi di pace e raccolgono frutti di giustizia. Da dove nascono infatti tutte le guerre e le liti, che ci sono in mezzo a voi? Dalle passioni che agitano il vostro cuore: aizzandolo continuamente alla guerra. Siete sempre invidiosi ed insoddisfatti: e per questo fate continuamente guerra contro tutti. Ma facendo così non otterrete mai le cose che desiderate: perchè le cercate con prepotenza, invece di chiederle a Dio. Ed anche quando le chiedete a Lui, lo fate senza umiltà: con la presunzione e l’egoismo, di chi si crede GRANDE !

 DAL VANGELO (Marco 9,30-37)

 In quel tempo Gesù stava attraversando la regione della Galilèa molto umilmente: senza farlo sapere a nessuno. Aveva deciso infatti, di dedicare più tempo ai suoi discepoli: per prepararli alla sua morte. Ad un certo punto infatti, disse loro:

 “Io sono il Figlio dell’Uomo: venuto con umiltà per servire gli uomini. Per questo mi lascerò consegnare umilmente, a quelli che si credono GRANDI: e che mi uccideranno. Ma Dio difende sempre chi ha il cuore umile: ed in pochi giorni mi farà rialzare!”. I discepoli non capirono bene il significato di quel “mi farà rialzare”. Ma avevano paura di parlargliene: così non gli chiesero ulteriori spiegazioni.

 Quando poi giunsero nella città di Cafàrnao, Gesù aspettò che i dodici apostoli entrassero nella casa di Pietro, chiuse la porta e disse loro: “Ditemi un pò: di cosa stavate discutendo così animatamente durante il viaggio?”. I discepoli si guardarono: ma nessuno ebbe il coraggio di rispondere. Durante il cammino infatti, avevano litigato accesamente su chi di loro fosse il migliore, il più GRANDE: il primo.

 Allora Gesù si sedette e, dopo averli fatti accomodare tutti intorno, disse: “Volete sapere chi tra voi è il primo? Chi saprà farsi ultimo. E come me, essere servitore di tutti!”. Poi andò a prendere un bambino, lo mise in mezzo, e tenendolo affettuosamente in braccio aggiunse: “Chi ad esempio accoglie tra le sue braccia un bambino come questo, accoglie tra le Sue braccia Me: e quindi Dio che mi ha mandato!”. Gli apostoli così capirono, che Gesù voleva si mantenessero umili: come bambini. E che se volevano essere veramente grandi, dovevano imparare a FARSI PICCOLI !

Più informazioni su