Quantcast

Le rubriche di Catanzaro Informa - La bella notizia

Sempre forti!!!

Più informazioni su

    Non sono le letture originali, ma rielaborazioni molto aderenti
    ai testi biblici, della Messa di Domenica 5 Dicembre 2021.

    DALLA PRIMA LETTURA (libro del profeta Bàruc 5,1-9)

    Al popolo ebraico schiavo in terra straniera, il profeta Bàruc diceva: “Su, cerca di essere FORTE! Togliti gli abiti del lutto e dell’afflizione: e mettiti i vestiti della festa. Mostra a tutti quanto è grande la gioia che viene da Dio! Avvòlgiti nel mantello della giustizia divina, mettiti in testa la corona del Signore: e Dio farà vedere a tutti il tuo splendore. Farà convivere in te, la pace e la giustizia: la fede e la bontà. Alzati, sali sulla cima della montagna: e lasciati accarezzare dal sole che sorge! Guarda quante persone vengono da oriente ad occidente, radunati dal Signore: esultanti di gioia, perchè Dio si è ricordato di loro.

    Siamo stati portati schiavi in Babilonia, trascinati dai nemici: ma presto Dio ci farà tornare a casa, come re che tornano trionfanti dalla battaglia. Il Signore presto spianerà la nostra strada: abbasserà le colline e sposterà le montagne. Riempirà i burroni e livellerà il terreno: per farci camminare al sicuro, sorretti dalla Sua potenza. Il Signore comanderà persino agli alberi di piegarsi: per farci ombra durante il cammino! Presto Dio ci illuminerà con il Suo splendore, ci riporterà a casa con gioia: ci darà quella giustizia e quella bontà, che vengono solo da Lui !”.

    DAL SALMO RESPONSORIALE (Salmo 125,1-6)

    Il Signore ha fatto per noi cose grandi. Quando ha cambiato le nostre sorti liberandoci dalla schiavitù babilonese, ci sembrava di sognare. La nostra lingua ritornò a cantare: e la nostra bocca a sorridere. Gli altri popoli dicevano: “Dio ha fatto cose grandi per loro!”. Ed è vero: il Signore ha fatto per noi cose grandi. Per questo eravamo pieni di gioia. Mio Dio, cambia ancora le nostre sorti: come i fiumi cambiano la terra secca, irrigandola. Facci essere come il contadino: che semina triste, ma poi raccoglie felice. Infatti quando l’agricoltore esce di buon mattino a seminare, sa che quel giorno non porterà a casa niente: ed è abbattuto. Ma alcuni mesi dopo raccoglie tanti covoni di grano: ed è pieno di gioia. Nella sofferenza allora, non farci smettere mai di sperare in Te, Signore: mantienici FORTI !

    DALLA SECONDA LETTURA (lettera di Paolo ai cristiani di Filìppi 1,4-6.8-11)

    Carissimi fratelli, prego per voi sempre: e quando penso all’aiuto che mi avete dato (e mi date) per diffondere il Vangelo, il mio cuore si riempie di gioia. Sono sicuro che Dio, che vi ha chiamati a questa missione, vi darà la FORZA di portarla a compimento: fino al giorno in cui riceverete da Gesù Cristo il premio eterno. Dio solo sa quanto desidero rivedervi: e quanto vi voglio bene. Nutro per voi lo stesso affetto, che nutriva per gli altri Gesù Cristo. Perciò chiedo sempre a Dio di aumentare in voi la capacità di distinguere, di capire, di amare. Affinchè facciate sempre le scelte giuste: restando integri ed irreprensibili, per il giorno in cui incontrerete il Signore. Mantenetevi FORTI dunque, e quel giorno raccoglierete i frutti delle azioni giuste che avete compiuto per mezzo Suo: con l’intento di dare onore e gloria a Dio !

    DAL VANGELO (Luca 3,1-6)

    Ai tempi di Gesù gli ebrei erano sfruttati dai romani, che esercitavano il loro potere attraverso il governatore Ponzio Pilato. La Galilèa era governata da Erode, un re terribile e sanguinario. Ed anche i sommi sacerdoti, Anna e Càifa, erano avidi e corrotti. In questa situazione storica così piena di ingiustizia, Dio decise di mandare sulla terra suo Figlio: a portare la Sua salvezza. E per preparargli la strada mandò Giovanni Battista, figlio di Zaccaria, che viveva da eremita nel deserto.

    Giovanni percorreva tutta la zona intorno al fiume Giordano, invitando la gente a farsi battezzare e cambiare vita: per ottenere il perdono dei peccati. Giovanni ripeteva con FORZA le parole dei profeti, dicendo: “Io sono una voce che nel deserto grida: «Il Signore sta per arrivare: preparategli la strada! Spianategli la via! Perchè presto verrà a coprire i burroni e ad abbassare le montagne: a livellare le strade scoscese e raddrizzare le vie tortuose. Facendo vedere ad ogni uomo, la salvezza di Dio!»”. Ed infatti quelli che lo ascoltavano, riacquistavano fiducia nel Signore: e tornavano a sentirsi FORTI !

    a cura di Antonio Di Lieto

    www.bellanotizia.it

    Più informazioni su