Le rubriche di Catanzaro Informa - La bella notizia

Amate i nemici!

Non sono le letture originali, ma rielaborazioni molto aderenti ai testi biblici, della messa di domenica

Più informazioni su

    a cura di Antonio Di Lieto

    DALLA PRIMA LETTURA (primo libro di Samuèle 26,2.7-9.12-13.22-23)

    Il re Saul stava setacciando con  tremila uomini il deserto di Zif, per scovare il SUO NEMICO Davide: ed ucciderlo. Ma una notte Abisài e Davide, evitando le guardie, riuscirono ad arrivare addirittura al letto del loro NEMICO Saul: mentre dormiva. Abisài disse a Davide: “Lasciamelo uccidere: a me basta un colpo solo!”. Ma Davide rispose: “No, non farlo. Chi distrugge una vita umana, non resterà impunito!”.

    Poi alzò gli occhi e vide la spada di Saul vicino al letto: allora prese la lancia e se ne andò via, senza fargli alcun male. Mentre tutti dormivano poi, salì sulla cima del monte e mostrando la spada, da lontano gridò: “Ecco la tua lancia, Saul: manda uno dei tuoi uomini a prenderla. Sì, perché il Signore renderà a ciascuno secondo la sua bontà. Io potevo ucciderti, ma non l’ho fatto. Ho dimostrato di aver AMORE e rispetto per te: anche se sei mio NEMICO!”.

    DAL SALMO RESPONSORIALE (Salmo 102,1-4.8.10.12-13)

    Anima mia, benedici sempre il Signore: non dimenticare il bene che ti ha fatto. Dio perdona le colpe, sana le ferite. Ci salva dalla fossa: ci sazia con la Sua infinita bontà. Il Signore è buono e paziente: il Suo AMORE è immenso. Non tiene conto dei nostri peccati, dimentica i nostri errori. Come un padre è tenero con i suoi figli, così Dio è tenero con noi: sempre ci sta accanto e CI AMA !

    DALLA SECONDA LETTURA (prima lettera di Paolo ai cristiani di Corìnto 15,45-49)

    Carissimi fratelli, Adamo è nato dalla terra: e col suo peccato ha fatto scivolare l’uomo in basso. Gesù invece è venuto dall’alto: e ci ha mostrato la strada del cielo. Noi certo siamo immagine di Adamo, ma siamo anche immagine di Cristo: per questo dobbiamo perdonare, rispettare, AMARE sempre tutti !

    DAL VANGELO (Luca 6,27-38)

    Un giorno Gesù disse ai suoi discepoli: “Se i vostri NEMICI vi odiano, voi AMATELI. Se vi trattano male, trattateli bene. Se dicono male di voi, dite bene di loro. Se qualcuno ti dà uno schiaffo, non devi reagire: ma nemmeno scappare. Porgigli con coraggio l’altra guancia: fagli capire che la sua violenza non serve a niente.

    Se qualcuno ti scippa il mantello, offrigli anche la tunica. A chiunque ti chiede, tu dài: a chiunque ti prende, tu lascia. Fate sempre agli altri, quello che vorreste fosse fatto a voi: senza aspettare che siano loro a farlo per primi. E’ facile infatti, amare quelli che ti amano: voi invece, AMATE quelli che vi odiano. E’ facile fare del bene a quelli che ti fanno del bene: voi invece, fate del bene a quelli che vi maltrattano.

    Prestate danaro, anche a chi non può restituirvelo. AMATE I vostri NEMICI, senza aspettarvi nulla in cambio: e vi assicuro che la vostra ricompensa sarà grandissima. Il Signore nostro Padre infatti, non dà il cibo ad ogni uomo? Ai buoni ed ai cattivi? A chi Lo ringrazia ed a chi si dimentica di Lui? Fate allora come il Padre vostro: che è benevolo con tutti.

    Non condannate il prossimo: e non sarete condannati. Perdonate gli uomini: e sarete perdonati. Con la stessa misura con cui date infatti, il Signore darà a voi: AMATE molto allora, e Dio vi riverserà addosso un’alluvione d’amore. Il Signore vi AMERA’ sempre, se voi sempre AMERETE gli altri: anche I NEMICI!”.

    Più informazioni su