Quantcast

Le rubriche di Catanzaro Informa - La bella notizia

Resterò con voi

Più informazioni su

    Non sono le letture originali, ma rielaborazioni molto aderenti
    ai testi biblici, della Messa di Domenica 22 Maggio 2022.

     

     

    DALLA PRIMA LETTURA (Atti degli Apostoli 15,1-2.22-29)

     

    La comunità cristiana della città di Antiòchia, era formata da pagani convertiti al cristianesimo. Un giorno arrivarono alcuni cristiani di origine ebraica, e cominciarono a dire: “Gesù era ebreo: quindi se non vi fate circoncidere e non osservate tutte le leggi religiose di noi ebrei, non siete veri discepoli di Cristo!”. Ma Paolo e Bàrnaba non erano affatto d’accordo: e discutevano con loro animatamente. Decisero allora di andare a Gerusalemme per far risolvere la questione a Pietro. Pietro e gli apostoli allora indissero un concilio per esaminare il problema: e scrissero la loro decisione su un documento. Rimandarono infatti Paolo e Bàrnaba ad Antiochia, assieme a Giuda e Sila (uomini amati e stimati da tutti) con questa lettera scritta:

     

    “Gli apostoli augurano – a tutti i cristiani di Antiòchia, Siria e Cilìcia che provengono dal paganesimo – tanta salute! Abbiamo saputo che alcuni ebrei sono venuti a nome nostro, turbandovi con discorsi che vi hanno confuso: sappiate che non li abbiamo inviati noi. Ci pare giusto infatti, a noi ed allo Spirito Santo, non imporre a voi pagani l’obbligo di rispettare le mille leggi religiose di noi ebrei. L’unica cosa che vi chiediamo, è di non praticare queste due cattive abitudini del paganesimo: le unioni sessuali illegittime e l’adorazione degli dèi. Stateci bene!”. Cristo infatti non osservò sempre tutti i sabati e le leggi religiose ebraiche, ma rispettò sempre Dio e gli uomini. Facciamo come Lui: e Lui RESTERA’ sempre CON NOI ! 

     

    DAL SALMO RESPONSORIALE (Salmo 66,2-3.5.6-8)

    Il Signore ci perdoni e ci benedica: facendo risplendere su di noi il Suo sorriso. Affinchè tutta la terra possa conoscere la Sua strada: ed ogni persona ricevere la Sua salvezza. Le nazioni gioiscano e si rallegrino: perché Dio governa tutto il mondo con giustizia. Ti lodino i popoli o Dio: ti lodino i popoli tutti. Il Signore ci benedica. Da tutte le estremità terra, onorate il Suo nome: e Lui RESTERA’ sempre CON NOI !

     

    DALLA SECONDA LETTURA (Apocalisse di Giovanni 21,10-14.22-23)

    Un angelo mi trasportò in spirito, su di una montagna grande ed alta. E da lì mi fece vedere la città del cielo: il Paradiso. Sui suoi abitanti risplendeva la gloria di Dio, tanto che gli occhi di tutti brillavano felici: come gemme di cristallo! La città del cielo è circondata da grandi ed alte mura con 12 porte, ognuna sorvegliata da un angelo: su cui sono scritti i nomi delle 12 tribù di Israele. La città poggia su 12 fondamenta: sulle quali sono scritti i nomi dei 12 apostoli. E le porte sono distribuite equamente (3 a nord, 3 a sud, 3 ad ovest e 3 ad est): per farvi entrare tutti i popoli della terra. Lì non c’è bisogno di chiese: perchè tutti vedono Dio Onnipotente e Gesù Cristo direttamente. E non c’è bisogno della luce del sole o della luna: perchè tutti brillano come stelle. Come una lampada, Cristo fa brillare su tutti la luce di Dio: STANDO in mezzo a LORO !

     

    DAL VANGELO (Giovanni 14,23-29)

     

    Prima di morire, Gesù disse ai suoi discepoli: “Chi mi ama davvero, metterà in pratica le mie parole: così Io e mio Padre verremo, e RESTEREMO sempre CON LUI. Chi invece non mi ama, rifiuta le mie parole: anzi rifiuta il Suo Creatore, perché è stato Dio a mandarmi. Queste cose ve le dico ora che sono CON VOI. Quando non ci sarò più comunque, Dio vi manderà lo Spirito Santo: a ricordarvi tutto quello che vi ho detto.

     

    Io vi lascio la mia pace, vi dò la mia serenità: e la serenità che vi dò io, non è come quella che vi dà il mondo. Quindi, non lasciatevi turbare da niente: non abbiate mai paura.  Ad esempio perché vi siete agitati così tanto, quando vi ho detto: “Ora me ne vado”? Se mi amaste davvero, dovreste essere felici per me: perchè io sto per tornare a riabbracciare mio Padre. Ve l’ho detto prima non per mettervi ansia, ma affinchè quando succederà non vi sentiate abbandonati: ma crediate e sappiate, che RESTERO’ sempre CON VOI !”.

    a cura di Antonio Di Lieto

    www.bellanotizia.it

    Più informazioni su