Le rubriche di Catanzaro Informa - La salute con le erbe

The’ verde: un alleato totale per la vita

Più informazioni su


    Pochi alimenti o bevande forniscono proprietà e vantaggi come il tè verde

    I Cinesi conoscono i benefici del tè verde sin dai tempi antichi, utilizzandolo per curare di tutto, dalla emicrania alla depressione. In Cina, il the verde viene utilizzato come una medicina da almeno 4.000 anni! “Meglio essere privati di cibo per tre giorni, che di tè per uno”.

    Cosa rende così speciale il tè verde? Cosa contiene il the verde?

    Il segreto del tè verde (nome scientifico Camelia Sinensis), sta nel fatto che è ricco di polifenoli della catechina, in particolare di epigallocatechina gallato (EGCG). L’ EGCG è un potente anti-ossidante: oltre a inibire la crescita delle cellule tumorali, uccide le cellule tumorali senza danneggiare i tessuti sani. E’ anche efficace nella riduzione dei livelli di colesterolo LDL, e inibisce la formazione di coaguli di sangue. In quest’ultimo caso, il tè verde assume un’importanza maggiore se si considera che la trombosi (formazione di coaguli di sangue) è la principale causa di infarti e ictus.

    Per anni, i ricercatori rimasero perplessi nel constatare che, nonostante una dieta ricca di grassi, i francesi avessero una minore incidenza di malattie cardiache rispetto agli americani. La risposta è stata trovata nel vino rosso, che contiene resveratrolo, un polifenolo che limita gli effetti negativi del fumo e delle diete ricche di grassi. In uno studio del 1997, i ricercatori dell’Università del Kansas hanno determinato che l’EGCG è due volte più potente del resveratrolo, il che può spiegare perché il tasso di malattie cardiache tra gli uomini giapponesi è piuttosto bassa, anche se il 75% circa è costituito da fumatori.

    Ciò che contraddistingue il tè verde è il modo con cui è lavorato. Le foglie di tè verde vengono cotte a vapore, e questo processo impedisce che l’EGCG subisca l’ossidazione. Ad oggi, l’unico effetto collaterale negativo segnalato dal bere tè verde è l’insonnia dovuta al contenuto di caffeina. Tuttavia, il tè verde contiene meno caffeina del caffè: ci sono circa 30-60 mg di caffeina in 150 – 250 gr di tè, a fronte di oltre 1-100 mg. in circa 250 gr di caffè.

    Inoltre  rallenta l’ invecchiamento dell’organismo e della pelle: grazie alla presenza dei flavonoidi e soprattutto delle catechine che sono potentissimi  antiossidanti il tè verde combatte  i radicali liberi. Secondo ricerche compiute da alcune università americane, le catechine del tè verde hanno un’efficacia 20 volte superiore a quella della vitamina E per questo sono in grado di proteggere i neuroni del cervello che risentono molto degli stress ossidativi.

    Aiuta la digestione: il tè verde è indicato anche per chi ha problemi di digestione in quanto i tannini contenuti in questa bevanda aiutano a calmare le mucose dello stomaco e dell’intestino.

    Combatte l’acidità e i bruciori, è  efficace contro la diarrea e stimola i succhi gastrici.
    Bevuto dopo i pasti principali grazie al suo effetto germicida sui bacilli del colon e sugli stafilococchi è un ottimo aiuto per disinfettare l’apparato digerente.

    Amico della linea: le catechine contenute nel tè verde favoriscono l’eliminazione dei liquidi e abbinate alla teina stimolano il metabolismo. L’assunzione regolare di te verde stimola il calore corporeo e fa aumentare il dispendio energetico facendo bruciare i grassi più velocemente. Inoltre riduce l’assorbimento degli zuccheri  ed  è anche altamente diuretico, infatti favorisce in modo rapido  l’eliminazione delle scorie e dei liquidi che formano la cellulite.

    Altre proprietà del tè verde: protegge dalla carie dentaria (contiene fluoro), assicura un buon funzionamento di fegato e reni, regola il flusso biliare, protegge dalle infezioni digestive e respiratorie,  migliora la respirazione poiché agisce come un broncodilatatore, aiuta in caso di mal di testa, dolori reumatici, rende innocui certi veleni ambientali, previene e migliora l’alito cattivo, aiuta a contrastare l’osteoporosi,  per chi soffre di diabete è ipoglicemizzante,  previene l’artrite reumatoide, aumenta la densità ossea nelle donne in menopausa, diminuisce gli stati di stanchezza (ottima per gli sportivi), rafforza il sistema immunitario.

    Come uso esterno il tè verde ha proprietà lenitive, antipruriginose ed emostatiche sulle ferite .

    Preparazione dell’infuso di tè verde

    Il metodo migliore per ottenere la quantità maggiore di catechine in una tazza di tè verde è quello dell’infusione. Per mantenere inalterati i principi attivi del tè bisogna saperlo preparare correttamente: metterne un paio di grammi sul fondo della tazza (un cucchiaino va bene) e riempirla con  acqua calda. L’acqua utilizzata non deve essere bollente ma raggiungere una temperatura di circa 75 – 80 C° per evitare di distruggere parte dei principi attivi in esso contenuti, e quindi i suoi benefici. La temperatura ideale si raggiunge quando le bollicine che si formano dal fondo cominciano a salire in superficie.

    Lasciarlo in infusione per 2/3 minuti (più si lascia in infusione e più diventa amaro) e filtrarlo. Il tè andrebbe bevuto al naturale, ma si può renderlo dolce aggiungendo del miele o zucchero di canna. Invece del limone, che altera il sapore del tè, andrebbero aggiunte scorzette di limone o di arancia, ma non aggiungere assolutamente latte, perchè proprio la caseina del latte rischia di neutralizzare i polifenoli, ovvero le componenti più benefiche.

    Dosi consigliate: solo 254 mg di catechine al giorno bastano per ottenerne gli effetti benefici. Dobbiamo considerare che una tazza di tè verde apporta da 100 a 150 mg di catechine, quindi con 2 o 3 tazze al giorno di tè verde si garantisce il corretto apporto di questa sostanza.

     

     

    Dottoressa Annapaola GIGLIO
    0961.62782
    annapaola.giglio@gmail.com

     

    Più informazioni su