Le rubriche di Catanzaro Informa - La salute con le erbe

Ribes nigrum: un antistaminico naturale e non solo

Più informazioni su


    Mai si parlerà abbastanza del Ribes Nigrum (Ribes nero) per le sue eccellenti qualità antinfiammatorie, antiallergiche e cortisone-like. Infatti il Ribes è un potente antistaminico naturale, soprattutto per i disturbi respiratori mentre svolge un’azione rinforzante su tutto il sistema immunitario, ma senza dare l’assuefazione e gli effetti collaterali dei farmaci. Alcuni principi attivi presenti in questa pianta riescono infatti a contrastare l’azione dell’istamina, sostanza responsabile delle tanto fastidiose reazioni allergiche.

    Nel caso di infiammazioni e di allergie sarebbero comunque anche da evitare gli alimenti che contengono istamina, dato che tale sostanza può aumentare i sintomi sopra descritti. Trovate l’istamina nei seguenti alimenti: cioccolata, formaggi, birra e vino (specialmente rosso). Alcuni autori suggeriscono di evitare anche il pollo a causa delle lecitine in esso contenute, in quanto sono sostanze che tendono a innescare le globuline E causando la fuoriuscita dell’istamina. Da non dimenticare che anche l’inquinamento, può dare adito all’insorgere di allergie.

    Il Ribes Nigrum è una pianta davvero completa, tanto che agli scopi di cura vengono utilizzate le gemme, le foglie e i frutti. Le prime sono ricche di flavonoidi e glicosidi, noti per stimolare la produzione di cortisolo da parte delle ghiandole surrenali. Per questo motivo, sono tradizionalmente impiegate per ridurre le infiammazioni oppure come antistaminico. La presenza di olio essenziale, inoltre, ha effetti diretti sulle ostruzioni delle prime vie respiratorie, tanto da essere spesso indicate come rimedio popolare per bronchiti e raffreddori.

    Le foglie presentano invece triterpeni e polifenoli, utili alla depurazione del corpo, alla diuresi, all’eliminazione delle tossine e del colesterolo cattivo nel sangue. Così come lecito attendersi, però, sono i frutti a presentare la maggior ricchezza: oltre a un quantitativo davvero alto di vitamina C, si rilevano flavonoidi contro le infiammazioni e antociani per la vaso protezione.

    Vediamo i suoi meravigliosi usi

    AZIONE ANTI-INFIAMMATORIA: dimostra proprietà antiinfiammatorie sia nell’ edema che nelle flogosi semplici. Lo si utilizza per: infiammazione articolare, dermatiti, dermatosi, eczemi (anche topici), sindromi allergiche acute, sindromi infiammatorie (su mucose, apparato respiratorio, urinario, digestivo e cutaneo), congiuntiviti allergiche, riniti, riniti allergiche stagionali (sia le spasmodiche che il raffreddore da fieno), allergie asmatiche, parotite, edema di Quincke, orticarie allergiche, sensibilizzazione a farmaci, emicranie allergiche, cefalee.
    AZIONE DI PROTEZIONE E DI CURA DELLE VENE: gli antocianosidi del frutto, si rivelano significativamente attivi sui disturbi funzionali legati all’insufficienza venosa (dolore, edema, ecc.) e sulla microcircolazione connettivale. Per la presenza di antocianosidi può essere utilizzato anche per problemi venosi che creano disturbi nella sfera genitale e nella vista, ma anche in caso di gambe pesanti in qualunque stagione dell’anno. Si rivela ottimo anche per la protezione della congiuntiva e dei tessuti elastici danneggiati, ma anche per le mucose infiammate e per la fragilità capillare
    AZIONE ANALGESICA: l’efficacia assomiglia ai medici tradizionali, senza effetti collaterali, ma l’efficacia varia da persona a persona.

    AZIONE ANTIOSSIDANTE: sia per la presenza delle sostanze antocianidine e sia, nel caso dei frutti,per le vitamine antiossidanti.

    AZIONE ANTIMICOTICA: è stata dimostrata l’azione fungicida di un flavonoide presente nel Ribes.

    AZIONI VARIE ED EVENTUALI: antivirale, stimolatore del sistema immunitario, alza la pressione bassa, tonico generale.

    Modo d’uso. Per il macerato glicerico molti testi consigliano in genere, 50 gocce per 3 volte al giorno, 10-15 minuti prima dei 3 pasti principali. Le gocce vanno diluite in un po’ d’acqua e tenute in bocca per un minuto prima di essere deglutite, allo scopo di assicurare il massimo assorbimento per via perlinguale. Potete anche bere il succo delle bacche per la fragilità capillare: un cucchiaio in un po’ d’acqua al mattino a digiuno. E’ sempre meglio rivolgersi ad un medico o naturopata che valuterà caso per caso il giusto dosaggio.
    Essendo un rimedio naturale il Ribes Nigrum agisce un po’ più lentamente rispetto ai farmaci antistaminici e va assunto per più tempo e in maniera costante. Offre però due grandi vantaggi: non ha effetti collaterali e non provoca assuefazione.

    ATTENZIONE: non è adatto a chi soffre di IPERTENSIONE

     

    Dottoressa Annapaola GIGLIO
    Tel. 0961.62782
    annapaola.giglio@gmail.com

     

     

     

    Più informazioni su