Le rubriche di Catanzaro Informa - L'inedito

Ulisse e la Calabria:un mito greco in continua scoperta

Più informazioni su


    Si riparla di Ulisse e si scopre che l’interesse per questa figura incontrata sui banchi di scuola per la prima volta ha a che fare con la nostra storia più che mai.

    Chiara Giordano con la Fondazione Armoni d’arte ha inteso dedicargli l’attenzione che merita questo legame tra il racconto omerico e la terra di Calabria specie nel punto in cui si legge che Ulisse fu accolto da Nausicaa, figlia di Alcinoo re dei Feaci sulla costa di Squillace a ridosso, perciò, dell’attuale parco “Scolacium” che ospita il festival ed in cui l’ancestrale presenza dei nostri avi si avverte ad ogni angolo.

    In occasione della presentazione del libro dello studioso Armin Wolf , “Ulisse e le rotte del Mediterraneo” portato anche da Tonia Santacroce al complesso San Giovanni, la Giordano ha parlato di rivalutazione del Mediterraneo annunciando che ci sono già in itinere progetti con altre realtà che hanno come obiettivo quello di rivalutare l’area storica di appartenenza.

    A rafforzare la presentazione, il poliedrico studioso Salvatore Mongiardo, scolarca della Nuova Scuola Pitagorica che ha rappresentato in modo appassionato il fatto che le rotte del Mediterraneo antico portavano la civiltà dell’Egeo, da Ulisse ad Enea e non solo, a cercare l’Italia, nata appunto in Calabria, come quel luogo di genti pacifiche e territori fecondi. Così come, sempre Mongiardo, ha lanciato la proposta di proseguire proprio a Scolacium un primo esperimento fatto lo scorso anno a Crotone cioè festeggiare la nascita dell’Italia in quei luoghi che, appunto, storicamente l’hanno per primi rappresentata, e farlo con quell’orgoglio territoriale che, però, deve significare una ripartenza di operosità ed efficienza tal da consentire nuove “ rotte” di sviluppo e benessere collettivo.

    Per dare il senso di tutta l’indimenticata e indimenticabile bellezza dell’eroe omerico e di questi luoghi di Calabria come Scolacium , è stato proiettato un cortometraggio “ La Terra di Scheria”  dell’inviato speciale Rai1 Francesco Brancatella che ne ha discusso anche con il presidente della Cineteca della Calabria Eugenio Attanasio sempre molto ricco di spunti e riferimenti che ben compongono un quadro articolato di nuovi suggerimenti.

    Più informazioni su