Quantcast

Le rubriche di Catanzaro Informa - Riceviamo e pubblichiamo

“Le piante rinsecchite di Catanzaro: la signorilità di una città si intuisce dal suo verde”

Per Giuseppe Buccolieri il verde "non è altro che l'immagine speculare di chi amministra una comunità"

Parchi, giardini e spazi verdi svolgono un ruolo importante nella quotidianità in ognuno di noi. Essi rappresentano pertanto, gli indicatori del grado di benessere di una popolazione. Ne è convinto Giuseppe Buccolieri che ha scritto a Catanzaroinforma sottolineando che “esiste solo un modo per riconoscere il fascino, la signorilità e l’eleganza di un luogo pubblico, guardare con attenzione il cannocchiale visivo del verde che ci circonda.
Esso non è altro che l’immagine speculare di chi amministra una comunità.

A parere di chi scrive, l’attenzione di chi è preposto al controllo di un territorio, è quello di aprire la strada allo spirito ecologico in ognuno di noi. Sig. Sindaco più volte lo scrivente ha posto in essere il serio problema delle centinaia di piante rinsecchite che da oltre un lustro, fanno purtroppo ancora capolino sui marciapiedi della Città Capoluogo, ma nessuno degli addetti al verde pubblico se ne duole e se ne cura. Tantissimi sono stati i politici che si sono alternati, ma le rinsecchite piante sono sempre orgogliosamente tenute li, in attesa di conoscere il loro destino…. E’ mia impressione che tutti conoscono il problema ma nessuno lo sa….Chi scrive facendosi interprete di un pubblico servizio, si chiede se nella Città di Catanzaro esiste ancora un assessorato o associazione addetti al controllo e alla tutela sia delle piante che del verde. Se si, qual è il loro ruolo!? Cosa si aspetta ad effettuare una radicale pulizia e relativa spollonatura dei tigli dei giardini? mah… fitto mistero.

Mi piace sottolineare che il verde pubblico non può essere prigioniero dell’ immobilismo dei politici di turno. La pulizia dei marciapiedi e l’eliminazione delle piante rinsecchite e loro sostituzione, è un atto civile e di rispetto verso i cittadini.
Gent.mi amministratori datevi una scrollata e diamo un nuovo look sia al verde attrezzato che alla nostra Città, si chiede pertanto una robusta attenzione nell’amministrare gli spazi verdi, ma forse è troppo! Non è sufficiente fare apparire un elegante cartello luminoso con la scritta “benvenuti a Catanzaro”, Sig.ri ci vuole dell’altro….
La macchina comunale
non deve essere intesa come un sistema chiuso, ma deve studiare le connessioni esistenti tra il verde e le altre attività connesse al miglioramento dell’ambiente.
lo scrivente si appassiona insistendo a tenere sulle corde gli amministratori di turno per il semplice fatto, che verde pubblico e critica devono convivere (causa-effetto).
Come si fa a non credere all’assordante…. voce del silenzio di chi è preposto al controllo della macchina amministrativa?

A parere dello scrivente deve esistere una relazione simbiotica tra i vari enti, e non far mai prevalere la tecnica ormai consolidata e compassata del POI SI VEDRA’.
E’ impressione di chi scrive che molte conoscenze professionali inerenti alla quotidianità del vivere civile, spesso non sono al posto giusto. Chi tanto dice resta della convinzione che nel Capoluogo…(sic), verde attrezzato e politica non si trovano sulla stessa lunghezza d’onda.
Sig.ri amministratori, datevi una mossa….diamo alla città di Catanzaro un FASCINO SENZA TEMPO mettendo a riposo il FANCIULLESCO gioco
dei ruoli e dello scarica barile. Amministratori tutti opposizione compresa, facciamo di Catanzaro una Città elegante, signorile e sempre più accogliente, ricordandosi che se al verde gli si dà… il verde ridà molto di più…”
Giuseppe Buccolieri