Quantcast

Le rubriche di Catanzaro Informa - Riceviamo e pubblichiamo

Il vaccino a Catanzaro? Funziona tutto bene, come i giallorossi

Più informazioni su

    Voglio offrire la mia personale testimonianza in relazione all’iniziativa svoltasi nelle giornate del 24 e 25 Aprile scorso presso l’Ente Fiera del quartiere marinaro, e soprannominata Vax Day. Rientrando nella fascia d’età 60/69 anni, ho proceduto alla prenotazione sulla piattaforma, e mi è stato fissato l’appuntamento per il 25 aprile alle ore 17,20. Prendo atto della cosa, non senza qualche piccolo malumore, essendo l’orario collocato quasi in concomitanza della partita del Catanzaro fissata alle 17,30. Ovviamente (per la prima volta nella mia vita) accantono l’idea di vedere il Catanzaro e confermo l’appuntamento. Mi presento intorno alle 17,00, prevedendo file e assembramenti. Invece, niente di tutto ciò. Entro subito nella struttura, dietro gentile indicazione di un addetto, e vengo accolto da un altro volontario della Croce Rossa che mi accompagna ad un banchetto dove consegno la modulistica che avevo già compilato. A stretto giro, mi viene assegnato il n. 46, mentre il display numeratore segnalava che stavano vaccinando il n. 42. Una attesa così breve non mi era capitata nemmeno al banco salumi di un qualsiasi supermercato. Dopo due minuti, vengo fatto accomodare presso una postazione per una veloce consulenza medica, che attesta la mia idoneità al vaccino Astrazeneca. Vengo, pertanto, subito accompagnato presso un altra postazione dove vengo vaccinato senza nemmeno sentire l’ago della siringa. Dopo 15 minuti di attesa, per verificare eventuali reazioni avverse, alle 17,40 ero già fuori, ed anche buona parte della partita del mio Catanzaro, era salva.

    Tutto molto bello. e, soprattutto vero. Fossimo stati in Svizzera non ci sarebbe stato molto da meravigliarsi, ma a Catanzaro, in Calabria. In quella Calabria così bistrattata, maltrattata e mortificata in alcuni talkshow nazionali, dove però queste belle pagine non vengono raccontate. Forse perchè non fanno audience.

    Spero invece che voi vogliate raccontare questa mia esperienza. Che però sollecita una mia riflessione. Se con queste due giornate di vaccinazione di massa, si sono raggiunte cifre record ( si parla di 19.000 vaccini somministrati nella sola giornata di sabato) dimostrando che capacità e potenzialità non mancano anche alla nostra latitudine, perchè non continuare con questi ritmi atteso lo stato emergenziale che, nella nostra regione, pare non voglia allentare la presa? Mi sembra legittimo porsi questa domanda. Sia chiaro, non si tratta di una critica, ma solo di una semplice considerazione.

    Per il resto, bravi tutti. Dalla Croce Rossa, alla Protezione Civile Regionale, a tutti i volontari ai medici e agli infermieri. Ieri è stata scritta una bella pagina di sanità che, penso, valga la pena di raccontare.

    Giuseppe Silipo

    Più informazioni su