Le rubriche di Catanzaro Informa - Salute & igiene orale

L’alitosi può essere sconfitta!

Più informazioni su


    L’alitosi, conosciuta anche come bromopnea o foetor ex oris, è un termine, che sta ad indicare la presenza di cattivo odore nell’alito o nel respiro della persona colpita da tale disturbo.

    Si, è proprio così, l’alitosi oggi viene considerata un disturbo, una vera patologia di natura patogena- ossessiva, che colpisce milioni di persone nel mondo, senza distinzione di sesso o età, causando imbarazzo, disagio ed inibizione.

    Nel cavo orale convivono più di 200 specie batteriche diverse. I gas, sono i principali nutrienti di alcune forme batteriche, Gram- negative, dette Capnofiliche; queste specie sfruttano come fonte nutrizionale, la CO2 (anidride carbonica). I metaboliti di tale gas danno origine a diversi composti di natura sulfurea: idrogeno solforato, metil- mercaptano e sulfuro di dimetile. Questi appena elencati sono fanno parte dei Composti Volatili Solforati (CVS), che rappresentano la causa principale dell’alitosi.

    I CVS per potersi sviluppare necessitano di fattori concomitanti e favorevoli alla moltiplicazione dei batteri capnofilici; tali condizioni favorevoli sono: ph alcalino, minore concentrazione di ossigeno (O2), substrato disponibile per l’adesione batterica (placca batterica), cattiva igiene orale.

    RIMEDI:

    • eseguire un’igiene orale professionale
    • lavare i denti almeno 2 volte al giorno (mattina e sera)
    • utilizzare il filo interdentale
    • spazzolare la lingua
    • evitare caramelle zuccherate
    • bere molta acqua
    • eseguire pasti regolari
    • evitare alcol e sigarette
    • utilizzare collutori specifici

    Questi appena elencati possono essere rimedi istantanei, ma c’è da dire, che l’alitosi può dipendere da tanti fattori e per stabilirne la causa è necessario fare una visita odontoiatrica, che potrà dare maggiori delucidazioni.

     

    Dott.ssa Stefania Barbieri

    Igienista Dentale

    Phone: 342 6264102

    www.dentahygieneonline.com

    stefaniabarbieri@me.com

    Più informazioni su