L’Asp di Catanzaro promuove corso sulla sordità infantile

A Lamezia Terme una due giorni di studi dallo screening alla riabilitazione 

Più informazioni su


     

    Promosso da Mario Catalano, direttore del corso, e dall’U.O. di Audiologia e Foniatria dell’Asp di Catanzaro, diretta da Lelio V. Gallo, organizzato dall’unità operativa Formazione e Qualità dell’Asp di Catanzaro, diretta dalla dott.ssa Clementina Fittante, venerdì 1 e sabato 2 marzo, si svolgerà il corso  “Sordità infantile: dallo screening alla riabilitazione”. L’iniziativa, che si terrà nella Sala Convegni “Ferrante” dell’ “Ospedale “Giovanni Paolo II” di Lamezia Terme, rappresenta il primo step dell’iter formativo teorico-pratico della linea progettuale di intervento 3.10 “ipoacusia e sordità: screening neonatale”, nell’ambito degli obiettivi di Piano di prevenzione della Regione Calabria. Al corso parteciperanno tutte le Aziende sanitarie provinciali e Ospedaliere della Regione coinvolte nella linea progettuale.

    Il progetto ha l’obiettivo di favorire la collaborazione funzionale dei centri nascita, delle strutture specialistiche O.R.L./Audiologiche di 2° e 3° livello, degli operatori della riabilitazione e dei pediatri di libera scelta. La sordità infantile rappresenta una problematica sociale estremamente importante poiché ha un’elevata incidenza e, in caso di diagnosi ritardata, comporta un deficit irreversibile di percezione e produzione verbale tale da non consentire un  utile un inserimento nel mondo scolastico prima e lavorativo in seguito. L’adozione in Calabria dello screening audiologico neonatale universale per la sordità congenita, permette di identificare  precocemente gran parte dei soggetti con ipoacusia neurosensoriale congenita e rende possibile la presa in carico del bambino entro il sesto mese di vita. Il tempestivo e corretto percorso diagnostico-terapeutico conduce all’abbattimento degli effetti della disabilità uditiva sui processi di percezione e produzione verbale del bambino, riducendo le difficoltà di inserimento nella vita.

    I lavori saranno introdotti dal direttore generale dell’Asp di Catanzaro, Gerardo Mancuso, da A. Orlando, direttore Dipartimento regionale della Salute, da C. Azzarito, referente regionale Dipartimento tutela della salute e politiche sanitarie settore area  L.E.A. (livelli essenziali di assistenza) e da M.Catalano, direttore scientifico della linea progettuale 3.10. Numerosi sono i relatori esperti nel settore provenienti da tutta Italia tra i quali U. Barillari,  Direttore u.o. e cattedra di Foniatria, Seconda Università di Napoli; Domenico Cuda, direttore U.o. O.R.L. Ausl Piacenza; G. Ruoppolo, docente di Foniatria, M. Nicastri, logopedista Università La Sapienza di Roma e I. Vernero, presidente nazionale Sifel (Società italiana foniatria e logopedia)..

    Più informazioni su