‘Nuovo ospedale pilastro fondamentale per il futuro’

Il sindaco Abramo: sarebbe veramente paradossale che l’avvio dell’integrazione tra ospedali pubblici e policlinico universitario – che troverà la sua sintesi massima nell’Azienda Unica – possa prevedere l’esatto contrario

Più informazioni su


    Il sindaco di Catanzaro Sergio Abramo è intervenuto, con una nota, sulla questione del nuovo ospedale.

    “La realizzazione del nuovo ospedale a Germaneto resta un pilastro fondamentale della nostra idea di Catanzaro Città della Salute e della Ricerca. L’intesa che è stata raggiunta tra Regione e Università è la condizione essenziale e irrinunciabile per sbloccare a livello centrale la delicata pratica. Sarebbe veramente paradossale che l’avvio dell’integrazione tra ospedali pubblici e policlinico universitario – che troverà la sua sintesi massima nell’Azienda Unica – possa prevedere l’esatto contrario. Mi chiedo quale integrazione sarebbe possibile tra strutture come il campus e il “Pugliese-Ciaccio” che distano tra di loro una decina di chilometri? Ma, lo ripeto, la rinuncia alla costruzione del nuovo ospedale rinnegherebbe tutti gli atti, a cominciare dagli accordi di programma, prodotti dal Ministero della Salute, dalla Regione e dal Tavolo Massicci. Per quanto ci riguarda la partita per la costruzione del nuovo ospedale è apertissima e ci batteremo ad ogni livello perché l’opera venga realizzata”.

    Dopo avere ricordato che le procedure di gara per i nuovi ospedali di Vibo Valentia, della Sibaritide e della Piana di Gioia Tauro, sono state ultimate o sono in fase di completamento, il sindaco Abramo ha sottolineato che l’Accordo di Programma tra Regione e Ministero della Salute prevedeva per Catanzaro il vincolo di accorpamento tra l’Azienda Ospedaliera “Pugliese-Ciaccio” e l’Azienda Universitaria “Mater Domini”, nonché la localizzazione del Nuovo Ospedale in prossimità della sede Universitaria di Germaneto, in contrada Pugliese.

    “La costruzione del nuovo ospedale di Catanzaro – ha detto ancora il sindaco – può contare, peraltro su una adeguata copertura finanziaria, a valere su risorse statali ex art. 20 L. 67/88 ed art. 71 L. 488/98 e di fondi regionali, a valere su risorse ex L.R. 7/2006 e L.R. 9/2011, per il complessivo importo di circa 120 milioni di euro. Tale copertura finanziaria sarà, inoltre, integrata dagli eventuali ricavi derivanti dalla valorizzazione delle strutture che verranno dismesse dalle funzioni ospedaliere. Appare assolutamente evidente, come, allo stato, sussistano tutti i presupposti di natura economica, finanziaria, amministrativa e organizzativa per il rapido riavvio dell’iter realizzativo del nuovo ospedale di Catanzaro, anche in virtù degli impegni presi da parte dell’Ente Regionale e formalizzati con comunicazioni a codesti Ministeri”.

    Più informazioni su