Quantcast

Cisl Fp Magna Graecia sul piede di guerra con Azienda Mater Domini

Mancate le promesse non c'è atto fondamentale per sicurezza economica e soprattutto, per una migliore organizzazione alle unità operative in sofferenza

Più informazioni su


La Cisl fp Magna Graecia “denuncia con fermezza la mancata attuazione dell’accordo sottoscritto in data 01/07/2019 tra l’Amministrazione dell’Azienda ospedaliera Mater Domini, i Sindacati e la RSU”. È quanto si legge in una nota del sindacato.

“Gli impegni sottoscritti che riguardano la trasformazione del personale a tempo determinato da part time in full time – aggiunge Cisl Fp – nonché l’approvazione del regolamento per l’attribuzione degli incarichi di funzione, sono finiti regolarmente nel dimenticatoio.  Eppure, soprattutto per quanto riguarda il primo punto, e cioè la trasformazione del personale a tempo pieno, è stata fatta presente la grave carenza di personale sanitario sia OSS che infermieri che di fatto non consentono a tutt’oggi di poter usufruire delle sacrosante ferie e non solo, il personale è costretto a turni estenuanti con raddoppi o ricorso continuato al lavoro straordinario”. 

L’accordo “prevedeva – sostiene il sindacato – in tempi brevissimi tale trasformazione, ma il tutto si è rivelato una presa in giro nei confronti dei lavoratori che aspettano da tempo tale atto fondamentale per una sicurezza economica e soprattutto, per dare una migliore organizzazione alle unità operative in sofferenza. Forse l’amministrazione pensa di ricorrere alle prestazioni aggiuntive? Se cosi fosse sarebbe un ulteriore affronto nei confronti delle organizzazioni sindacali e della RSU, nonché, uno sperpero di denaro pubblico. Per quanto riguarda gli incarichi di funzione del regolamento nemmeno l’ombra. Nel frattempo però ci si è dilettati a fare trasferimenti di personale senza nessuna sostituzione (categoria protetta), in servizi che già di per sé navigano in brutte acque proprio a causa di carenza di personale, ma tutto questo al management non interessa. Alla luce di quanto su esposto la scrivente interrompe da subito le relazioni sindacali e nel contempo metterà tutte le azioni a sua disposizione per l’attuazione di quanto sottoscritto”.

Infine, conclude Cisl Fp, “siamo perfettamente d’accordo con quanto dichiarato dai segretari generali di Cgil – Cisl-Uil che affermano che serva un management nuovo con la sostituzione dei direttori sanitari e amministrativi”.

Più informazioni su