Regione: Francesco Pitaro, su sanità si apra dibattito serrato e vero

"Lo chiederò a presidente Santelli in prima seduta Consiglio"

“Un dibattito vero, serrato e senza pregiudizi in Consiglio regionale sulla sanità che in Calabria è diventata il simbolo del fallimento di decenni di politiche sciagurate il cui costo si vorrebbe far cadere sulla pelle dei calabresi. E’ quanto chiederò nella prima seduta dell’Assemblea regionale che, se la Presidente della Regione Santelli lo consentirà, potrebbe svolgersi tra pochi giorni”. E’ quanto afferma, in una nota, il consigliere regionale di “Io Resto in Calabria”, Francesco Pitaro.

“E’ evidente, come si evince dall’annunciata chiusura di 30 su 60 guardie mediche disposta dai commissari prefettizi dell’Azienda sanitaria provinciale di Catanzaro – prosegue Pitaro – che si intende fare cassa sulla pelle delle persone nell’illusione di abbattere, a Catanzaro e altrove, l’enorme disavanzo costituito, per una buona parte, dagli interessi passivi, dalle spese legali e dalle procedure esecutive che gravano sui ritardati pagamenti dei fornitori. E’ una scelta perdente, perché porta all’esasperazione i cittadini e non crea le condizioni per avere una sanità dignitosa. Occorre prendere atto che la governance commissariale in Calabria invece di risolvere i problemi è diventata essa stessa un gigantesco problema”.

“Il dibattito in Consiglio – sostiene il consigliere regionale – spero possa concludersi con un documento orientato a contrastare il furore distruttivo delle guardie mediche nei distretti sanitari di Catanzaro, Lamezia Terme e Soverato, ed essere, al contempo, finalizzato a: chiedere alla Presidente della Regione un riassetto organizzativo del Dipartimento sanità al cui vertice ci si attende una professionalità che agisca non per tutelare l’appartenenza, ma all’insegna del merito e dell’efficienza funzionale; concordare, col ministro della Sanità on. Roberto Speranza, ora che la legislazione lo consente, l’attribuzione alla Regione di ogni prerogativa sulla sanità”.

“La politica, in primis Consiglio e Giunta regionali – sostiene ancora Pitaro – deve tornare a decidere. E ad assumersi la responsabilità di andare oltre questa tormentata fase attraverso una programmazione che contemperi l’esigenza di abbattere il debito con il diritto costituzionale alla salute dei cittadini”.