Costanzo: ‘Niente posti al Pugliese? Perchè non trasferire i ricoveri ordinari al Mater Domini?’

"Troppo facile affrontare i problemi chiudendo l’accesso al pubblico, senza tener conto del fatto che le persone hanno diritto ad essere curate"

Più informazioni su

    «Fino a quando pensate di ovviare alle carenze del Pronto Soccorso rinviando i ricoveri programmati?». È questo uno dei tanti quesiti che il consigliere comunale di Catanzaro e coordinatore del personale infermieristico del Pronto Soccorso dell’Ospedale Pugliese, Manuela Costanzo, pone ai vertici dell’azienda sanitaria catanzarese, all’indomani della notizia della sospensione dei ricoveri ordinari – termine tecnico con cui si indicano tutte quelle prestazioni non urgenti e programmabili – decisa dal Direttore del Pronto Soccorso,  Masciari. «Troppo facile affrontare i problemi chiudendo l’accesso al pubblico, senza tener conto del fatto che le persone hanno diritto ad essere curate, quale che sia il loro male. Del resto più alti sono i profili dirigenziali, maggiore è la possibilità che la gente possa subire scelte scellerate come questa!» incalza la Costanzo, per la quale a questo punto esisterebbe il chiaro intento di «dirottare tutto sul privato» dice senza mezzi termini. «Semplice chiudere invece che affrontare il problema – continua – andando a battere i pugni sulle scrivanie di chi di dovere. Si sta giocando a scaricabarile con la salute dei cittadini catanzaresi e questo non lo posso tacere; se non ci sono posti al Pugliese era così difficile trasferire i ricoveri ordinari a Mater Domini o Germaneto e garantire lo stesso le prestazioni a chi ne ha bisogno?». «La qualità di questa Azienda dove sta?» conclude il consigliere.

    Più informazioni su