Quantcast

La rete ospedaliera del Pugliese – Ciaccio non lascia soli i pazienti di Nefrologia

Aned Calabria fa sapere quali sono i protocolli da seguire

“In ottemperanza alle disposizioni regionali relative alla pandemia Covid-19, il primario di nefrologia dell’ospedale Pugliese Ciaccio di Catanzaro, Salvatore Chiarella, ha disposto una procedura di gestione da remoto dei pazienti immunodepressi”. Lo fa sapere Rocco Lagano dell’Aned Calabria.

“Si tratta di una procedura di visite ambulatoriali per via telefonica, già collaudata nel precedente lockdown positivamente. La procedura  prevede che il medico referente dell’ambulatorio trapianti, secondo un preciso calendario di follow up post trapianto, programma i controlli ambulatoriali per ogni paziente; l’infermiera dedicata si occupa dell’iter burocratico previsto (prenotazione CUP, Regolarizzazione impegnativa sia di visita nefrologica che dei relativi esami di laboratorio), nonché dell’esecuzione del prelievo in assoluta sicurezza. I risultati degli esami vengono inviati dall’A.O. via mail al paziente, ed in forma cartacea visionati dal medico referente che contatta telefonicamente il paziente per accertarsi del suo stato di salute, effettuare eventuali modifiche terapeutiche e programmare il controllo successivo”.

“Tale sistema ha permesso di mantenere inalterato il rapporto tra nefrologo e paziente trapiantato che, come noto, viene gestito non solo per le problematiche inerenti al trapianto ma  anche per tutte le altre evenienze cliniche intercorrenti. Solo così è stato possibile evitare che eventuali complicanze post trapianto e/o altri eventi acuti rimanessero silenti e, pertanto, pericolosi per il già delicato equilibrio del trapiantato di rene. Ulteriore novità di questo nuovo periodo difficile di chiusura degli ambulatori programmati è l’utilizzo della mail istituzionale per inviare copia della visita eseguita da remoto ai pazienti quale promemoria e per maggior chiarezza”.